Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 269.808.983
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 24 febbraio 2021 alle 13:10

Sirone: recupero immobili fatiscenti e aree dismesse, il comune ‘mappa’ quattro zone

Quattro aree del paese da destinare alla riqualificazione al fine di favorire il riuso dell’esistente senza andare a utilizzare aree vergini. L’amministrazione comunale di Sirone, attraverso il consiglio di lunedì 22 febbraio, ha approvato uno schema che individua gli ambiti di rigenerazione urbana in base alla legge regionale n. 18 del 2019 che prevede questa possibilità. Sono state individuate due aree sulla collina e due centrali al paese.
“La legge promuove iniziative per il recupero e il riuso di aree o immobili presenti sul comune in modo da evitare l’utilizzo di nuovo territorio – ha spiegato il sindaco Emanuele De Capitani - Ci sono incentivi che vanno dall’incremento volumetria alla riduzione di oneri”.


L’amministrazione ha creato una mappa per individuare le aree sulle quali tale legge si potrà applicare. “Abbiamo trovato quattro aree di intervento che, in un caso prevedono la sistemazione di edifici fatiscenti o dismessi da tempo su cui vengono concesse la volumetria e la riduzione di oneri. In un’altra area prevediamo solo l’abbattimento dei costi di costruzione – ha aggiunto il primo cittadino - A seconda di dove sono individuate, vanno a usufruire di benefici come la possibilità di indifferenziazione funzionale tra destinazioni d’uso commerciale e residenziale. In altri casi, si permette l’utilizzo dei piani terra a uso residenziale. Abbiamo scelto un approccio per identificare situazioni più degne di essere prese in considerazione, anche se la legge regionale permette di fare eventuali revisioni. L’auspicio è che si possa consentire il riuso di situazioni già esistenti, salvando il consumo del territorio dove ci sono territori molto urbanizzati”.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco