Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 272.561.081
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 05 marzo 2021 alle 08:42

Ello: in consiglio rinviata la mozione per l'autonomia di Regione

Una rapida riunione del consiglio comunale di Ello si è tenuta nella serata di giovedì 4 marzo. Gli amministratori si sono collegati in videoconferenza dalla propria abitazione a causa delle normative anti-contagio che impediscono le riunioni in presenza.
Approvati i verbali relativi alla seduta precedente, l'oggetto di dibattito è divenuto il nuovo regolamento per l'Applicazione del canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria. Un passaggio tecnico dovuto alle normative di legge nuove introdotte nel 2019, come il segretario comunale dottor Mastronardi ha avuto modo di spiegare durante la riunione. Un passaggio, quello dell'approvazione del regolamento nuovo, che negli scorsi mesi è stato affrontato da tutti i consigli comunali del territorio.

Senza trattare in modo dettagliato i 52 articoli che compongono il documento, i consiglieri hanno approfondito l'impianto complessivo e due questioni particolari: tariffe e controlli. A chiedere un chiarimento sui margini di manovra della giunta comunale nell'applicare le tariffe previste dal regolamento è stato il consigliere di minoranza Danilo Riva. Spiegazioni sono giunte dai tecnici del comune che, anch'essi collegati in videoconferenza, hanno ricordato come nel primo anno di applicazione, in base alla normativa, il gettito complessivo degli introiti da pubblicità non può variare in rapporto agli anni precedenti. Per finire, il regolamento stesso dovrebbe contenere tutte le prescrizioni necessarie ad un'applicazione di tariffe relazionate al contesto del luogo in cui avviene l'esposizione della pubblicità. Una seconda richiesta di chiarimenti è stata avanzata da Ivano Tocchetti. Il consigliere comunale di maggioranza ha domandato a chi spetterà effettuare i controlli e, nel caso, sanzionare le affissioni abusive. I tecnici del comune, così come lo stesso sindaco, hanno assicurato che i controlli resteranno in capo al concessionario della pubblicità, una società esterna al comune. Su questo versante non vi saranno cambiamenti rispetto alle soluzioni già adottate.
Oltre ad aver approvato all'unanimità il regolamento i consiglieri comunali hanno deciso di rinviare alla prossima seduta la mozione presentata dal consigliere di minoranza Elena Zambetti. Avente per oggetto il "Riavvio delle trattative fra stato centrale e Regione Lombardia sul trasferimento di deleghe e il riconoscimento di congrue risorse finanziarie per la gestione delle medesime [...]" il documento, non letto durante la serata proprio a causa dell'assenza del consigliere che lo ha presentato, punta a rilanciare il trasferimento di competenze a favore di Regione Lombardia sulla base del referendum sull'autonomia svoltosi il 22 ottobre 2017. La discussione sarà affrontata, presumibilmente, durante la prossima riunione del consiglio comunale. La seduta consigliare è quindi stata sciolta, dopo un dibattito durato poco più di un quarto d'ora.

L.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco