Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.972.692
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 11 marzo 2021 alle 15:04

Erba: 700 ricoveri per Covid nel 2020. La direzione ripensa all’ospedale del futuro

Il direttore Damiano Rivolta
«È ormai passato un anno dal primo paziente che si è presentato all'Ospedale Sacra Famiglia di Erba e nessuno, allora, poteva prevedere quello che sarebbe accaduto...». Inizia così la riflessione di Damiano Rivolta, direttore dell'ospedale Sacra Famiglia Fatebenefratelli di Erba sul 2020 e sulle prospettive aperte da questi primi mesi del 2021. L'ospedale lombardo ha ospitato 700 ricoverati per Covid dall'inizio del 2020 e ha effettuato 31.000 tamponi. Al momento sono stati vaccinati 523 operatori. L'impegno a contenere la pandemia resta costante, anche perché è in corso una nuova ondata di ricoveri (attualmente sono 62, di cui sette in terapia intensiva), ma si guarda al futuro, alla luce dell'esperienza fatta in quest'anno.
«La gestione dell'emergenza pandemica, nella sua drammaticità, ha portato alla scoperta di risorse inespresse che costituiranno anche le basi per la definizione dell'ospitalità del futuro. Le barriere strutturali, organizzative, gestionali ma soprattutto quelle emotive sono state prima abbattute, poi superate e piano piano rese flessibili e resilienti al grande tsunami Covid. L'organizzazione, l'alta specializzazione, la divisione funzionale in reparti è stata completamente rivista per lasciar spazio ad una gestione quotidiana del paziente ma anche della fatica degli operatori. La programmazione a medio-lungo termine è stata completamente annullata e, conseguentemente, l'organizzazione dei reparti come tradizionalmente la conoscevamo. Gli operatori sono stati la vera risorsa chiave che ha consentito di affrontare la pandemia senza arrivare al default dell'ospedale».
Un pensiero su questo 2020 che sta costringendo a ripensare anche al sistema sanitario, è stato espresso da fra Giampiero Luzzato, priore dell'ospedale: «Il nostro fondatore San Giovanni di Dio vuole che i suoi figli abbiano un medesimo cuore e una medesima anima - ha ricordato - Nel 2020 abbiamo cercato di affrontare la complessità gestionale, con una adeguata educazione al senso della condivisione come esigenza interiore di una capacità operosa. Questo ha richiesto "audacia" e "creatività", nonché la forza di abbandonare il "comodo" criterio del "si è fatto sempre così" e di assumere il rischio della provvisorietà e dell'urgenza. Questa è stata una chiamata, di carattere impellente, di urgenza, nel senso che non si poteva rimandare una risposta al territorio».

Fra Giampiero Luzzato

Il priore ha rimarcato anche i problemi, a partire dalla scarsa conoscenza della malattia e dalla mancanza di ausili di protezione. «Uno dei momenti più difficili, è stato quello in cui non riuscivamo a recuperare farmaci, mascherine, camici, coscienti che senza protezioni non potevamo far lavorare i nostri operatori» ha detto, rivolgendo un particolare ringraziamento al sindaco e all'amministrazione comunale di Erba, a tutta la popolazione, alle associazioni, ai fornitori, alle ditte e ai numerosi benefattori.
La direzione, intanto, ha già iniziato a ripensare lo sviluppo dell'ospedale per il prossimo quinquennio: «Nuove modalità di accesso, nuovi percorsi per l'urgenza e sdoppiamento della terapia intensiva sono solo alcune delle progettualità che saranno sviluppate nei prossimi anni per portare l'Ospedale di Erba nel futuro dell'ospitalità mantenendo i valori originali dei Fatebenefratelli» ha concluso Rivolta.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco