Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.365.270
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 12 marzo 2021 alle 21:48

Casatese: giovanissimi davanti al giudice per un presunto giro di ricatti hard

L'ingresso al tribunale di Lecco
Sono stati accompagnati questa mattina in tribunale a Lecco per l'interrogatorio di garanzia, i soggetti colpiti dall'ordinanza di custodia cautelare emessa nei giorni scorsi dal gip Salvatore Catalano sulla base delle indagini condotte dai carabinieri della Compagnia di Merate e coordinate dal sostituto procuratore Andrea Figoni.
Si tratta (secondo le scarne informazioni trapelate sino a questo momento) di alcuni giovanissimi, tutti residenti nell'area del casatese, coinvolti in un giro di presunti ricatti e incontri hard, messi a segno - pare - avvalendosi di annunci internet attraverso i quali venivano agganciate le potenziali vittime per poi ''pressarle'' con richieste di denaro.
Più di uno gli episodi contestati ai ragazzi che sarebbero avvenuti nell'ultimo semestre del 2020 e all'inizio dell'anno in corso, nel periodo cioè, già segnato dalla pandemia.
Ad inchiodarli - secondo quanto è emerso - le chiamate e le chat estrapolate dai telefoni cellulari e dai social, rivelatesi preziose per stringere il cerchio intorno ai soggetti, ritenuti al momento responsabili (a vario titolo) di ricatti a sfondo sessuale che partivano da siti di incontri online molto comuni. Estorsione e tentata estorsione sono infatti le accuse a loro carico che hanno portato l'altra mattina, all'esecuzione dell'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip.
Se stamani alcuni dei ragazzi sono comparsi direttamente a palazzo di giustizia al cospetto del giudice Paolo Salvatore, in un altro caso l'interrogatorio di garanzia è avvenuto in carcere. Fra i destinatari dell'ordinanza figura infatti un soggetto classe 1996 già condannato per fatti analoghi, che - secondo le risultanze investigative - avrebbe perpetrato la propria condotta mentre si trovava agli arresti domiciliari.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco