Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 292.383.820
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 18 marzo 2021 alle 08:38

Lago di Pusiano: pulizia della sporcizia dalla rive con il kayak

"Da quanti anni ormai a Pusiano si vede questo obbrobrio? E per quanto anni ancora lo dovremo vedere? Che fine ha fatto la bellissima e monumentale Casa dei Pescatori?".

La Casa dei Pescatori a Pusiano

Il riferimento è alla casa storica con affaccio diretto sul lago, dove da anni sono in corso lavori. Gli interrogativi sono stati posti da Marco Ferrario, che solca con frequenza le acque del lago con il kayak, occupandosi spesso di ripulire le rive o il canneto dall'invasione dei rifiuti. "Basta uscire soli ma col doppio e se si vuole di plastica da raccogliere se ne trova sempre, ahimè. La giornata di pulizia del lago non ha data, tutte le giornate sono buone" ha spiegato.

In altre occasioni si è trovato spesso a raccogliere le boe, spesso utilizzate per le gare di canoa, che si ritrovano a posteriori abbandonate sulle rive, anche a causa delle condizioni meteorologiche.

"Ho capito che le boe si disperdono per due motivi: o si rompe l'anello che le tiene legate o si slega il nodo. Per il primo problema dovrebbero, anziché utilizzare boe farlocche, comprarne di più sicure con un anello più robusto. Per il secondo motivo sarà bene che chi lega queste boe impari a fare nodi più sicuri e che non si risparmi sulla qualità della corda che le tiene legate".

''Ci sarà pure una responsabilità "legale" che i comuni possono in qualche modo usare per convincere il centro remiero a fare qualcosa? Però come potrebbero fare valere ragioni diverse da quelle del centro remiero, visto che ci sono dentro tutto i comuni del lago? Purtroppo il centro remiero ha già avuto l'autorizzazione dal Parco valle Lambro (anche qui i comuni ne sono parte) per ampliare la loro zona navigazione riservata e anche di costruire una torretta di controllo in mezzo al lago credo in acciaio. Povero lago" ha commentato.
Infine, come testimoniano le immagini, materiale ligneo ostruisce la navigazione verso il cavo Diotti, mentre la plastica rimane incastrata su questo tappeto legnoso.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco