Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 297.636.636
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 18 marzo 2021 alle 12:26

Casatenovo: le autorità rendono omaggio alle vittime del Covid dinnanzi al municipio

La giornata odierna è stata dedicata al ricordo delle numerose vittime del Covid e anche a Casatenovo le autorità locali si sono ritrovate per condividere un momento di solennità alla memoria di tutti coloro che hanno perso la vita a causa del virus.

Alle ore 11, dinnanzi al municipio, il vicesindaco e assessore Marta Comi, facendo le veci dell'amministrazione comunale e in rappresentanza del sindaco Filippo Galbiati, ha esordito innanzitutto con il riconoscere il ruolo prezioso che la cooperazione ha svolto in questa pandemia, la quale ha permesso di contenere dove possibile l'impatto e la diffusione del Coronavirus sul nostro territorio. L'amministratrice ha poi prontamente ringraziato le altre figure che erano con lei presenti alla cerimonia: il comandante della Polizia Locale dr.Simone Comi, il capogruppo di Più Casatenovo, Marco Pellegrini, i rappresentanti della Croce Rossa Italiana sezione di Casatenovo e del Corpo volontari di Protezione Civile della Brianza, il presidente di Villa Farina Claudio Galbusera e il parroco don Antonio Bonacina.

Nei ringraziamenti è stato citato anche il supporto spirituale fondamentale della parrocchia che ha permesso a molte persone in difficoltà di trovare sollievo e di sentirsi meno sole, insieme al gruppo giovani e a tutta la comunità pastorale. Al termine del discorso del vicesindaco le campane della chiesa di San Giorgio sono suonate accompagnando il minuto di silenzio dovuto per rispetto delle vittime e dei loro famigliari.

Per l'occasione è stata poi presentata una pianta d'ulivo, simbolo di pace e rinascita, affinché non si debba più affrontare una tragedia simile. La pianta è stata benedetta dal parroco, il quale ha ricordato anche che lo stesso gesto è stato fatto anche dal vescovo in mattinata nei luoghi più colpiti dalla pandemia nella provincia bergamasca.

"Restiamo uniti perché l'emergenza non è ancora finita - ha concluso il vicesindaco Comi - "è importante continuare ad agire come comunità e sensibilizzare le persone sull'importanza di fare il vaccino, l'arma più potente e risolutiva per questa situazione".
M.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco