Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.832.602
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 22 marzo 2021 alle 16:09

Barzanò: per il contratto con una pay tv...''hot'' un 56enne finisce a processo

Il tribunale di Lecco
Aveva sporto una denuncia per truffa ma...è finito a dover rispondere dell'accusa di simulazione di reato. Protagonista di questa particolare storia è un 56enne residente a Barzanò: stamattina in tribunale a Lecco, al cospetto del giudice monocratico Giulia Barazzetta, titolare del fascicolo, l'imputato ha riferito i fatti che lo hanno portato a sedersi accanto ai suoi difensori di fiducia, gli avvocati Marilena e Ilaria Guglielmana.
Al centro della vicenda ci sarebbe la sottoscrizione di un contratto con una società che forniva abbonamenti televisivi a pagamento di...canali per adulti. È stato il testimone sfilato in aula per conto dell'accusa -quest'oggi rappresentata dal Vpo Mattia Mascaro- ad esporre per primo i fatti che hanno portato al processo: sintetizzando, il carabiniere della stazione di Cremella ha raccontato che l'imputato si era presentato in caserma due volte. La prima nel marzo del 2018 per presentare una denuncia per truffa nei confronti della società di pay tv e la seconda, un anno dopo, per integrarla. Dalle indagini sarebbe invece emerso che il contratto era effettivamente stato stipulato dal 56enne, per il quale poi è scattata l'accusa di simulazione di reato. Avendo la difesa chiesto l'esame dell'imputato, si è provveduto ad ascoltare direttamente l'uomo: costui ha dichiarato al giudice in modo categorico di non aver mai sottoscritto alcun contratto con la società.
''Avevo ricevuto la prima raccomandata di sollecito del pagamento anni fa, nel 2007, quando ancora abitavo a Nibionno'' ha detto l'imputato rispondendo alle domande dei suoi difensori. ''All'inizio l'ho ignorata ma poi mi hanno "seguito" anche una volta trasferitomi a Barzanò. A quel punto mi sono recato dai carabinieri, che mi hanno fatto chiamare la società davanti a loro. Mi hanno risposto che se avessi voluto vedere il contratto avrei dovuto fornire loro la carta d'identità e altri dati personali. Su suggerimento dei militari ho lasciato perdere perchè avrebbe potuto trattarsi di una truffa''.
A quel punto, qualche anno dopo, gli sarebbe stata consegnata un'altra raccomandata. ''Sono andato a fare denuncia, dopo aver sentito l'avvocato. Ed oggi eccomi qui". Perchè la sua firma risulti apposta al contratto di sottoscrizione del servizio resta un mistero: ''non capisco come possa essere successo'' ha proseguito l'imputato. ''Forse è stato il rappresentante con cui avevo firmato il nuovo contratto di fornitura energetica. Ma ad ogni modo i campi del contratto non sono scritti con la mia grafia, la firma è la mia, ma disconosco questo documento''.
Il prossimo 24 maggio ci sarà la discussione e la sentenza.
B.F.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco