Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 269.782.220
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 24 marzo 2021 alle 11:58

Centri vaccinali: ATS chiude il polo di Olgiate, a Calolzio non partirà il 26. Stessa fine per Oggiono, Casatenovo e Merate?

Dopo cinque giorni di operatività il centro vaccinale di Olgiate Molgora chiude.
L'anticipazione data ieri ha trovato conferma in una comunicazione del sindaco Stefano Motta di Calco che nel tardo pomeriggio di oggi, assieme ai colleghi di Olgiate, Airuno, Brivio, La Valletta e Santa Maria, fornirà le spiegazioni sull'accaduto. Allo stesso orario anche a Calolzio è prevista una conferenza da parte degli amministratori.


Il centro di Olgiate Molgora

"ATS Brianza ha deciso di chiudere il nostro centro vaccinale" si legge nell'informativa del sindaco "Stessa disposizione, a quanto si sa per gli altri centri vaccinali comunali già operativi della provincia. Allo stesso modo vengono bloccati i centri del territorio in procinto di partire (Oggiono, Calolziocorte, Merate, Casatenovo, ecc). Ad Olgiate sono stati somministrati sino ad oggi circa 500 vaccini su 1200 previsti. I cittadini verranno dirottati su Lecco e Barzanò".


Il palazzetto di Calolzio e, sotto, il Palabachelet



I sindaci della Valle San Martino e dell'olginatese hanno invece fatto sapere che l'inizio delle vaccinazioni previsto per il 26 marzo nel palazzetto di Calolziocorte subirà uno slittamento a causa della mancanza di vaccini, nonostante la preparazione della struttura in pochi giorni e il reclutamento di decine di volontari. ''Pur consapevoli delle difficoltà nel reperimento dei vaccini, i sindaci sottolineano l'importanza di un centro vaccinale sul territorio, vicino ai cittadini, gestito dai medici di base. Di conseguenza, sono certi che il ritardo potrà essere recuperato col contributo di tutti, nella certezza di poter vaccinare gli over 80 finora registrati in un paio di settimane (prima somministrazione) appena ottenute le dosi necessarie''.
Nessuna comunicazione ufficiale invece, dai sindaci del casatese e dell'oggionese che stanno ancora aspettando una conferma rispetto all'eventuale rimando della data di partenza della campagna vaccinale prevista all'Inrca e al PalaBachelet fra la fine di questa settimana e l'avvio della prossima. Stessa situazione per il polo in programma a Merate presso il centro anziani di Via don Minzoni.

Articoli correlati

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco