Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 272.783.809
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 26 marzo 2021 alle 15:21

Casatenovo: riceve l'sms per il vaccino ma 4 giorni dopo...e con data di nascita errata

Il testo del messaggio
Aveva portato avanti la procedura per vaccinare suo padre, classe 1932. E così, quando ha ricevuto il messaggio sms di convocazione sul proprio telefono, aveva sperato che il tanto atteso momento fosse arrivato. Purtroppo non era così.
È accaduto a una donna residente a Casatenovo che, dopo essersi regolarmente registrata al portale per l'adesione alla campagna vaccinale anti-Covid, ha atteso a lungo la chiamata rivolta all'anziano congiunto. Quando la convocazione è arrivata però, si è trovata dinnanzi ad un doppio disguido. In primis la data, con l'appuntamento previsto per il 21 marzo presso Cab Polidiagnostico di Barzanò, ma giunto sul cellulare della casatese quattro giorni più tardi. E, ancora più grave, anche la data di nascita riportata nell'sms di Regione Lombardia era sbagliata: 28/2/1937.
''Oltre ad avere ricevuto il messaggio in netto ritardo, il problema è che io non ho nessun contatto con la persona che corrisponde a questa data'' ci ha raccontato la casatese. ''Io attendevo il messaggio per mio papà, che è nato nel 1932. Lo avevo iscritto online, ma non ho mai ricevuto alcuna conferma. All'inizio ero convinta che l'sms fosse rivolto a lui, poi mi sono dovuta ricredere visto l'errore nella data di nascita riportata''.
Quasi impossibile trovare qualcuno che potesse fornirle delle spiegazioni rispetto a quanto accaduto; Cab infatti (così come le Asst) non gestisce il servizio di organizzazione e prenotazione degli appuntamenti, in capo invece a Regione.
Continuano dunque i problemi organizzativi nella campagna vaccinale lombarda, tra sms mai arrivati, convocazioni a decine di chilometri di distanza e iniezioni a rilento, se confrontate con quelle di regioni. I vertici di Regione stanno cercando di rimediare passando da Aria - la società partecipata cui fa capo parte dell'organizzazione pratica della campagna, a Poste Italiane - ma in attesa che il cambio diventi effettivo le difficoltà restano.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco