Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 274.000.577
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 29 marzo 2021 alle 18:08

V.Greppi: con la presidenza a Colnago, ora la discussione si sposta sul nome del 'vice'

Sono giorni cruciali per il destino del consiglio di amministrazione del Consorzio Brianteo Villa Greppi. Se la questione presidenza pare ormai definitivamente archiviata - con la Provincia di Monza che ha proposto Gianmarino Colnago, già sindaco di Aicurzio - ora la partita si gioca sull'altro fronte, quello che spetta al territorio lecchese.
Due infatti le candidature pervenute nelle scorse settimane agli uffici di Villa Locatelli, sede della Provincia, da parte di figure interessate a ricoprire il ruolo di ''vice'' all'interno dell'ente con sede a Monticello. La prima, da parte di Marta Comi, presidente uscente del CdA, mentre l'altra porta la firma di un amministratore di un comune estraneo al territorio di cui ha competenza il Consorzio; si tratta di Raffaele Cesana, attuale assessore all'istruzione de La Valletta Brianza. Una disponibilità, quella manifestata dal componente della giunta di Marco Panzeri, che lascerebbe presagire un interesse a far parte di Villa Greppi, ma che logicamente dovrà essere ancora valutato dall'assemblea dei soci.

Il candidato presidente Gianmarino Colnago e l'uscente numero uno del Consorzio, Marta Comi

Di questa candidatura, come di molto altro, si è discusso nel pomeriggio di sabato in un'assemblea informale convocata dal presidente dei comuni aderenti, il sindaco sirtorese Davide Maggioni. Nel vertice è stata ribadita dalla Provincia di Monza - per bocca di Luca Santambrogio, numero uno dell'ente - l'intenzione di candidare alla presidenza di Villa Greppi l'ex sindaco aicurziese Colnago, ritenuta una personalità più che adatta a raccogliere il testimone di Marta Comi, che ha guidato il Consorzio nell'ultimo quinquennio.
Nelle prossime ore invece, si dovrà prendere una decisione circa la figura del vice; a questo proposito nel corso dell'assemblea i comuni lecchesi hanno chiesto al presidente della Provincia Claudio Usuelli di poter decidere insieme, affinchè la nomina possa essere espressione dell'intero territorio e non soltanto dell'ente con sede a Villa Locatelli. Un auspicio quest'ultimo al quale si è associata anche Fiorenza Albani, assessore a Merate e consigliere provinciale con delega alla cultura e anche all'attività del Consorzio.
I prossimi giorni saranno dunque cruciali per capire se i comuni e la Provincia riusciranno a fare sintesi e a raggiungere un accordo sulla figura del vicepresidente.
Ancora nebuloso invece il futuro dei restanti componenti del CdA. Ad eccezione di Monticello, che ha rinnovato la propria fiducia al consigliere uscente Lucia Urbano - in continuità dunque, con il lavoro svolto in questi cinque anni dal Consorzio - sul tavolo sembra non siano spuntati nomi precisi e soprattutto condivisi rispetto agli altri due posti da occupare, spettanti in egual misura alle due aree territoriali. Nonostante abbia annunciato già da tempo l'intenzione di abbandonare Villa Greppi (insieme a Veduggio e a Briosco), sembra che il sindaco di Besana, Emanuele Pozzoli, non sia per nulla intenzionato a stare in panchina in questa partita, rivendicando una figura capace di rappresentare la propria città che ad oggi fa ancora parte del Consorzio. La questione quindi, è tutt'altro che chiusa.

Il presidente dell'assemblea Davide Maggioni e Raffaele Cesana, assessore a La Valletta Brianza

''Non siamo riusciti a raggiungere un accordo'' le parole di un abbottonato Davide Maggioni, che confida in una linea comune per un ente capace di garantire comunque un minimo di continuità al lavoro svolto nell'ultimo lustro. ''Stravolgere totalmente la composizione dell'attuale CdA sarebbe un errore, anche perchè il Consorzio si trova in un momento cruciale e sarebbe giusto proseguire nel solco tracciato in questi anni, rendendo più stabile possibile, nonchè espressione del territorio, la compagine alla guida''.
Non resta dunque che attendere il trascorrere dei giorni per capire se questo auspicio sarà realtà. Nel frattempo l'assemblea si riaggiornerà in forma ufficiale dopo Pasqua, per tentare di trovare una quadra definitiva.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco