Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 272.911.962
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 31 marzo 2021 alle 11:26

Cassago: il sindaco Marabese risponde all’interpellanza sull'assessore ai servizi sociali

Il sindaco Roberta Marabese
Il sindaco Roberta Marabese ha fornito una risposta scritta all'interpellanza delle minoranze cassaghesi sulla mancata nomina dell'assessore ai servizi sociali.
Le minoranze #Insieme Cassago e Progetto Cassago Democratica avevano posto tre domande all'amministrazione: perché non sia stato nominato un assessore ai servizi sociali (ruolo al contrario preso in carico dal sindaco Marabese stesso), quali saranno le priorità di questo assessorato per far fronte alla crisi sociale che la pandemia lascerà in eredità e cosa avverrà al termine della convenzione con il comune di Veduggio con Colzano che è stata prorogata recentemente di soli sei mesi. In un post di Facebook della minoranza di #Insieme Cassago si contesta soprattutto il motivo per cui il sindaco, già gravato e oberato da molti impegni, abbia deciso di assumere anche questo ruolo e in secondo luogo, si chiede a questo punto perché non abbia chiesto un aiuto a un consigliere di maggioranza.
Rispetto alla prima domanda, nella risposta scritta fatta pervenire ai gruppi consiliari, si legge che il sindaco ha ritenuto di gestire direttamente l'assessorato ai servizi sociali, cosa che per altro avviene in altri comuni della zona.
Marabese giudica invece, alquanto generica la seconda domanda relativa al futuro dell'assessorato ai servizi sociali: "Lo stesso governo italiano ‘naviga a vista'. Da un giorno all'altro si viene a conoscenza della zona ‘gialla, rossa o arancione' in cui si viene collocati. Questo impedisce all'amministrazione qualsiasi tipo di programmazione a lunga scadenza trovandosi di volta in volta costretta ad affrontare le quotidiane problematicità che rivestono necessariamente carattere di priorità". Il sindaco argomenta la sua risposta dicendo che solo a pandemia sconfitta si potrà fare un'analisi effettiva delle ripercussioni e delle conseguenze che l'emergenza sanitaria avrà lasciato e quindi determinare in modo concreto, realistico e sostenibile strategie e priorità. Conclude la seconda risposta con un'annotazione più generale: "Meravigliano, dunque, le vostre continue richieste sugli intendimenti dell'amministrazione in piena emergenza sanitaria, ovvero quando la stessa è assoggettata, come tutti i comuni d'Italia, alle limitazioni imposte dal governo centrale ed è quindi impossibilitata ad assumere decisione a lungo termine". Infine, il sindaco rende noto che la convenzione con il comune di Veduggio con Colzano scadrà il 31 dicembre di quest'anno.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco