Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.833.015
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 03 aprile 2021 alle 09:29

Barzanò: il consiglio conferma aliquote Imu e Irpef

La giunta di Barzanò ha approvato il piano triennale per la prevenzione alla corruzione, a favore della trasparenza e l'integrità. Lo ha comunicato all'assemblea del consiglio comunale il sindaco Giancarlo Aldeghi, spiegando che all'interno del piano si dettagliano le norme e i controlli che verranno effettuati per evitare episodi di corruzione in comune. Nella stessa serata, il consiglio comunale ha anche preso atto dei primi controlli effettuati dal segretario sulle varie delibere e operazioni svoltesi, stabilendo che tutto è stato regolarmente eseguito a norma di legge. Il 31 marzo, durante il consiglio comunale, il sindaco ha anche illustrato le spese che sono state integrate dal fondo di riserva. Tra queste ha ricordato una gara d'appalto, alcune spese condominiali, le spese di funzionamento per la commissione elettorale provinciale, lo smaltimento dei rifiuti, alcune quote associative e le retribuzioni del personale. In tutto i soldi prelevati dal fondo di riserva per tamponare le piccole spese ammontano a 7680 euro.
Nella serata di mercoledì si sono approvate anche le aliquote dell'IMU per l'anno 2021, che non sono aumentate ma sono rimaste le stesse del 2020. "Abbiamo mantenuto lo 0,4 sulla prima casa di lusso, perché come sappiamo le altre prime case sono esentate dall'IMU. Allo stesso modo abbiamo mantenuto le aliquote ordinarie per la seconda casa, i capannoni e le aree fabbricabili, pari allo 0,86. L'aliquota dello 0,10 è per fabbricati rurali ad uso strumentale e infine lo 0,25 per i fabbricati sfitti destinati alla vendita", ha spiegato il sindaco Aldeghi.
Allo stesso modo dell'IMU, il consiglio comunale si è mostrato unanime anche per la conferma delle aliquote IRPEF e della soglia di esenzione, confermata fino ai 15 mila euro.
Infine, è stata approvata anche la disciplina del canone unico, che va a sostituire e a comprendere la tassa di occupazione del suolo pubblico, le tasse della pubblicità e delle pubbliche affissioni. "Con i calcoli delle nuove tariffe siamo riusciti bene o male a riconfermare le tariffe degli altri anni. Mentre per i mercati si deve fare un discorso diverso perché quest'anno potranno godere dell'esenzione totale della tassa di occupazione del suolo per tutto quello che ha comportato il Covid sulle loro finanze", ha spiegato il sindaco Aldeghi.
M.Bis.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco