Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 269.989.336
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 07 aprile 2021 alle 10:50

Casatenovo: attivo il centro vaccinale al terzo piano di Inrca. Sarà in funzione fino a sabato 10, poi riaperto per la 2°dose

Pronti, partenza...via. Anche a Casatenovo è stato attivato un polo vaccinale dedicato alla popolazione ultraottantenne. E' cominciata stamani infatti, la campagna anticovid presso l'Inrca di Via Monteregio, grazie alla collaborazione fra sindaci, Ats, Asst Lecco, cooperativa Cosma e ovviamente alla disponibilità dei locali dell'ospedale casatese. Il terzo piano della struttura che confina con Parco Vivo è stato infatti allestito come centro vaccini per gli utenti del circondario e resterà in funzione per quattro giorni, fino a sabato, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18. Sono 126 le dosi da somministrare quest'oggi, con due linee attivate.

I primi anziani convocati per il vaccino poco prima delle ore 9

Un'esperienza resa possibile grazie all'impegno di tutti gli attori che, ognuno secondo le proprie capacità, hanno fortemente voluto attivare un punto vaccini per gli utenti del casatese, per non obbligare gli ultraottantenni a doversi recare troppo lontano. Oltre al più vicino ospedale Mandic di Merate, molti di loro avevano già ricevuto la convocazione per raggiungere Lecco, ma anche Erba e Biassono. Presidi non esattamente dietro l'angolo e proprio per questa ragione l'attivazione del centro a Casatenovo è stata giudicata in maniera positiva da tutti gli anziani che abbiamo intervistato.

Giorgio Alberti, primo ad essere vaccinato insieme alla moglie Giuliana

I primi si sono presentati all'Inrca qualche minuto prima delle ore 9, accedendo dall'ingresso dedicato. Effettuata una prima registrazione grazie ai volontari di Protezione civile (presenti i gruppi di Casatenovo, Cassago e Bulciago ndr) gli anziani sono stati fatti salire tramite ascensore al terzo piano e da lì si sono potuti accomodare nelle sale d'attesa, per essere poi convocati dal personale amministrativo e per finire...vaccinati.

L'arrivo delle dosi vaccinali portate a Casatenovo dai volontari di protezione civile

In questa prima mattinata a rappresentare i medici di medicina generale del territorio c'era il dottor Vittorio Cantù, affiancato da personale infermieristico - ancora in servizio oppure in pensione - e dai volontari che hanno dato la propria disponibilità. Oltre agli amministrativi, dipendenti del Comune di Casatenovo, c'era ad esempio Massimo Mazza, da poco in pensione e per anni in forza presso il Consorzio Brianteo Villa Greppi, oltre che direttore della scuola di musica Guarnieri. E ancora Rosa Adele Galbiati, presidente della Pro loco di Casatenovo.

La zona amministrativa per la registrazione degli utenti (a destra Massimo Mazza). Sotto le infermiere

Le dosi di vaccino Pfizer invece, sono arrivate intorno alle 8.45; a recuperarle all'ospedale Manzoni di Lecco, portandole a Casatenovo, sono stati Marco Pellegrini e Giuseppe Sala del locale corpo volontari della Protezione civile. Da quel momento ha preso il via la campagna vera e propria, con gli anziani che uno dopo l'altro sono stati convocati e vaccinati.
Il ''battesimo'' è toccato ai casatesi Giuliana Perego con il marito Giorgio Alberti, classe 1940 e 1939 che, accompagnati dalla figlia, si sono sottoposti alla dose di vaccino, decisamente indolore. ''E' andata benissimo'' ci ha detto l'anziano, più che soddisfatto di essere stato convocato a pochi passi da casa propria, visto che l'iniziale appuntamento prevedeva una trasferta nel monzese. ''Era giusto partire dai sanitari e dagli insegnanti, ma poi toccava a noi e sono felice che sia arrivato questo giorno''.

A destra il dottor Vittorio Cantù

Si è trovata più che bene anche Fernanda Pirovano, 83enne di Casatenovo, così come Natale Limonta, viganese che compirà gli 80 anni fra qualche settimana. ''Avevo l'appuntamento per Erba, ma negli scorsi giorni mi è stato detto di venire qui....ancora meglio''. Stessa situazione per la missagliese Giuseppina Brambilla, accompagnata dalla figlia Monica. ''Aspettavo questo giorno da un po'. Io sono abituata a camminare, ma con questa pandemia ancora in corso non mi fido ad andare in paese. Se devo fare due passi preferisco uscire nei boschi vicino casa, dove non c'è nessuno'' ci ha raccontato la sportiva, già socia del Cai, dopo essersi sottoposta al vaccino.

I primi ultra ottantenni che hanno ricevuto la dose vaccinale

Attivissima nella sua edicola-merceria di Cassina de' Bracchi Cherubina Penati. ''Non ho sentito male, è stato indolore'' ci ha detto l'81enne, stesso sentimento espresso da Agnese Scaccabarozzi di Missaglia, che di anni ne ha uno in più e che è stata accompagnata all'Inrca dalla nuora. La sua prima convocazione l'avrebbe portata a Lecco, ma per fortuna nei giorni scorsi le è stato detto di presentarsi a Casatenovo, a cinque minuti in auto da casa.

I locali del terzo piano Inrca a disposizione di questa campagna vaccinale

Vaccinato anche Renato Citterio, 84enne, medico rianimatore in pensione residente in paese e per anni volontario della Croce Bianca di Besana. Per lui varcare i corridoi di un ospedale è sempre una grande emozione anche se di anni ne sono passati molti da quando era attivo ''in corsia''.

Insomma...''buona la prima'' per questo avvio di campagna vaccinale a Casatenovo. Soltanto sabato pomeriggio al termine delle operazioni sarà possibile tracciare un bilancio definitivo dell'esperienza.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco