Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 292.390.733
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 10 aprile 2021 alle 18:02

FIMI si aggiudica all'asta il marchio Viganò International srl venduto da Galbiati Group



Galbiati Group si spoglia di un proprio "ramo secco". Nell'ambito del concordato chiesto dalla storica azienda con sede a Oggiono, è stata messa all'asta e poi aggiudicata la Viganò International, srl inattiva, precedentemente fusa nella "holding" e ora nuovamente - di fatto - scorporata attraverso una cessione di ramo d'azienda. Più precisamente, Galbiati Group ha "liquidato" il marchio (non registrato) "Viganò International"; disegni e file contenuti in un hard disk, relativi ai progetti utilizzati per la realizzazione di macchinari su ordinazione; il know-how e beni mobili composti da semilavorati, commesse non ultimate e strumentazione acquistata usata. 250.000 euro la base d'asta. Tre gli interessati. Il "lotto" mercoledì 7 aprile è stato così battuto per 450.000 euro, dopo una serie di rilanci. Ad aggiudicarsi il ramo d'azienda è stata la FIMI di Viganò, altro brand storico del territorio con l'attività avviata nel lontano 1963 a Barzanò dai fratelli Vittorio e Pompeo Rovelli, animati dal desiderio di seguire l'esempio del padre Emilio che conduceva una piccola officina meccanica. Ora, con una nuova proprietà, si colloca fra le prime cinque aziende al mondo nel campo della progettazione e costruzione di linee per la spianatura ed il taglio di coil in nastri metallici.
A.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco