Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 298.846.210
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 12 aprile 2021 alle 18:34

Cassago: discussione sulla giornata in ricordo delle vittime del Covid

Ai primi di marzo i consiglieri del gruppo di minoranza #Insieme Cassago, Rosaura Fumagalli e Antonio Carrino, avevano presentato un'interpellanza per proporre l'organizzazione di un evento commemorativo per le vittime del coronavirus.
Durante lo scorso consiglio comunale, l'assemblea ha discusso la proposta, anche se nel frattempo la cerimonia si è effettivamente svolta, su impulso della conferenza dei sindaci del casatese. Il consigliere Rosaura Fumagalli al termine della lettura del documento ha rivolto una critica al primo cittadino Roberta Marabese: "mi rammarica, sindaco, che lei non si sia degnata di scrivere, avvisare, chiamare i consiglieri, quantomeno noi della minoranza, pur avendo ricevuto questa interpellanza. Lo trovo scorretto e poco collaborativo. Il covid non può giustificare tutto e non deve giustificare il fatto che lei non abbia fatto una chiamata. Per di più, di questa iniziativa non c'è mai stata traccia sui social o sul sito del comune prima dell'evento, ma solo a cerimonia avvenuta. Non è corretto nel rispetto dei morti e di chi il virus lo ha avuto e vissuto sulla sua pelle".
La risposta del sindaco Roberta Marabese non si è fatta attendere. "Ancora una volta vengo accusata da lei di fatti non veri. La decisione di organizzare questa commemorazione è stata presa dalla conferenza dei sindaci e si è comunemente deciso di far uscire un'unica comunicazione per tutti il giorno precedente le cerimonie per evitare assembramenti. Lei non è stata avvisata perché insieme a tutti i sindaci del circondario si è scelto di organizzare iniziariva in forma riservata. Addirittura qualcuno non l'ha proprio fatta perché non si poteva".
Il consigliere Fumagalli, non soddisfatto della risposta ricevuta, ha ribadito che era comunque diritto della popolazione sapere che in quel momento c'era una cerimonia per ricordare i morti per il covid.
In chiusura di discussione, il sindaco Marabese ha rimarcato la sua disponibilità nell'organizzare un omaggio in forma solenne alle vittime del virus, una volta che la pandemia sarà completamente sconfitta.
M.Bis.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco