Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.833.807
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 13 aprile 2021 alle 14:32

Barzago: invariate le tariffe per Imu, Irpef e Tari. Anticipati al 2021 i lavori al cimitero

Il Comune di Barzago ha approvato nella serata di lunedì 12, durante la seduta di consiglio comunale in diretta Facebook, il bilancio di previsione per i prossimi tre anni, discutendo in assemblea tutti i vari punti propedeutici rilevanti contenenti variazioni e modifiche. Innanzitutto, all’unanimità è stato dato parere favorevole al programma di acquisto dei beni e servizi che superano l’importo di 40mila euro, il quale ha rinnovato l’appalto di servizio della biblioteca realizzato insieme al Comune di Cremella. Quasi tutti i seguenti punti all’ordine del giorno sono stati invece approvati a maggioranza, con l’astensione dei tre membri dell’opposizione, partendo dall’adozione del nuovo programma del piano delle opere pubbliche triennale che superano il valore di 100mila euro.



Nello specifico, si tratta di una variazione rispetto alle intenzioni del passato per chiedere all’ufficio tecnico di anticipare al 2021 la realizzazione dei nuovi loculi al cimitero previsti per il 2022 grazie al reperimento delle risorse necessarie, cioè 257mila euro per l’investimento, che sommati ai 10mila euro già stanziati l’anno scorso permettono di raggiungere la cifra complessiva di 257 euro. I nuovi loculi saranno circa 150, organizzati in tre blocchi perpendicolari al muro di contenimento del cimitero vecchio ai quali si aggiungeranno anche i quasi 100 nuovi cinerari, e per entrambi i lavori si dovrebbe iniziare tra agosto e settembre con un tempo di costruzione che va dai 45 ai 60 giorni.
Più consistente invece il contenuto del programma del piano delle alienazioni, valorizzazioni e acquisizioni del Comune, del quale principalmente si è parlato per quanto riguarda la cessione di una parte di superficie che corrisponde all’appartamento in via Carlo Porta all’attuale proprietario per cui si stimano 3.500 euro, e della realizzazione, probabilmente dopo l’estate, del sentiero ciclopedonale che collegherà Barzago e Verdegò tra via Pertini e la via Leopardi.
L’amministrazione ha poi ha stretto un contratto per far lavorare alcuni campi rimasti incolti affinchè vengano valorizzati chiedendo in cambio che ci si prenda cura della manutenzione del verde di alcune aree del paese, per esempio quella intorno al centro sportivo, permettendo di liberare risorse per curare altre aree e appaltarle e completare così il quadro di manutenzione del verde del Comune. Altro obbiettivo è quello di far rientrare via Vignate completamente all’interno del perimetro demaniale restituendo a chi vi abita una strada con un manto migliore, nei pressi quella quale peraltro verrà fatto anche un intervento per arginare il dissesto idro-geologico.
Riconfermate invece le tariffe e le aliquote delle principali tasse, come la Tari, l’Imu e l’Irpef, quest’ultima approvata all’unanimità. Il costo previsto per la Tari per il 2021 è di 266mila euro e l’unico elemento innovativo sarebbe il potenziale spostamento di tempistiche dei pagamenti prevedendo due rate, la prima di acconto al 30 giugno 2021 e la seconda di saldo a dicembre 2021. Sul fronte dell’Irpef, invece, nel 2020 la tariffa ha fatto registrare un’entrata di 160mila euro, mentre la previsione per quest’anno è di 183mila euro, la quale però è stata formulata non tenendo in considerazioni possibili criticità legate alla situazione pandemica. Sull’Imu, al contrario, l’astensione dei tre membri di minoranza è stata determinata dal fatto che, come hanno sottolineato gli stessi consigliari, a fronte delle difficioltà economiche e sociali riscontrate da gran parte della cittadinanza ci si aspettava un po’ più di coraggio nella formulazione delle aliquote, cercando di andare incontro ai bisogni di chi ha sofferto di più dalle chiusure e dal lockdown.



Il sindaco Mirko Ceroli sul punto ha spiegato che l’attuale bilancio non permette di avere grandi margini di manovra perché prima bisogna rientrare nella piena normalità e vedere come stanno andando avanti gli investimenti e dopo eventualmente fare delle possibili correzioni, che al momento all’amministrazione appaiono premature. Infine, la discussione si è spostata sul bilancio vero e proprio, e sull’approvazione del DUP, partendo dall’illustrazione delle entrate. In questo caso risultano esserci 120mila euro di avanzo di amministrazione che saranno dirottati negli investimenti, 1 milione e 600mila euro come somma dei tributi e del fondo di solidarietà comunale, 190mila euro di previsione provenienti dai trasferimento dello Stato legati all’emergenza Covid, 352mila euro derivanti dai proventi degli affitti e delle concessioni, e la quota vincolata a determinati progetti pari a 1milione e 400mila euro come possibili entrate legate ai progetti del miglioramento sismico della scuola e degli altri edifici comunale.
Il bilancio si trova quindi in pareggio con un totale di 4milioni e 339mila euro programmari per il 2021, i quali saranno arricchiti da una serie di contributi statali e regionali finalizzati soprattutto agli investimenti. Alcune puntualizzazioni da parte della minoranza sono emerse relativamente ad alcune voci di bilancio, in particolare rispetto all’appalto neve e sulla divergenza di vedute tra maggioranza e opposizione sulla questione degli interventi di riqualificazione della scuola.
M.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco