Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.834.916
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 14 aprile 2021 alle 14:20

Missaglia: lutto per Carla Proserpio della gastronomia Camozzi, attiva in parrocchia

Carla Proserpio Camozzi
Nel 2015 aveva ottenuto un importante riconoscimento dal Comune di Missaglia, che l'aveva nominata fra le ''donne dell'anno'' per l'impegno profuso nell'attività di famiglia. Questa mattina, a distanza di poco più di sei anni, la comunità ha dato l'estremo saluto a Carla Proserpio, anima della gastronomia Camozzi di Via Garibaldi.
Un esercizio storico per il paese, situato a pochi passi dalla basilica di San Vittore, che l'anziana - mancata a 87 anni - ha gestito insieme al resto della sua numerosa famiglia.
"Carla, dal lontano 1960, ha lavorato per decenni nella gastronomia Camozzi, gioiello della tradizione culinaria di Missaglia. Nella realtà famigliare, oltre alla qualità ed alla tipicità dei prodotti offerti, i clienti ricorderanno sempre la gentilezza e l'attenzione della signora" aveva dichiarato l'allora assessore alla cultura Andrea Spanu, consegnandole il riconoscimento.
Vedova da circa un anno dopo la perdita del marito Erminio, Carla Proserpio era legatissima anche alla parrocchia. Lo ha ricordato quest'oggi l'ex vicario della pastorale giovanile don Emanuele Colombo - attuale parroco di Olgiate - nel pronunciare l'omelia durante i suoi funerali. ''Per Carla ogni sabato pomeriggio alle 16 c'era un appuntamento fisso, quello con la fede'' ha affermato il sacerdote ricordando l'impegno dell'anziana fra le consorelle, attive anche nella distribuzione dell'eucaristia. Molto devota alla Madonna Assunta, legata al suo negozio e ai suoi familiari, la missagliese ha lasciato un segno indelebile nella comunità missagliese che quest'oggi le ha tributato l'estremo saluto. In prima fila c'erano i figli Antonia e Giuseppe, i nipoti e le rispettive famiglie per cui l'87enne ha rappresentato un solido punto di riferimento.

Ad accompagnare il feretro verso il vicino cimitero, anche le consorelle della parrocchia missagliese, che hanno aperto il corteo.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco