Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.842.956
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 17 aprile 2021 alle 15:25

Greppi: gli alunni incontrano Dell'Acqua, allievo di Basaglia

All'interno dei progetti relativi ai percorsi per le competenze trasversali e l'orientamento (PCTO) le classi quinte del liceo delle scienze umane ed economico sociale dell'istituto superiore Greppi di Monticello hanno incontrato, in modalità online, il dott.Peppe Dell'Acqua, allievo di Franco Basaglia. La conferenza è stata proposta da Continente Italia con la presenza del giornalista Massimo Cirri.

Peppe Dell'Acqua e Massimo Cirri

Peppe Dall'Acqua è uno psichiatra, ha diretto per più di diciassette anni il Dipartimento di Salute Mentale di Trieste e insieme a Massimo Cirri, psicologo impegnato nei servizi pubblici di salute mentale e noto conduttore della trasmissione "Caterpillar" su Radio 2, ha pubblicato il volume intitolato "(tra parentesi) La vera storia di un'impensabile liberazione" edito da Alphabeta Verlag.
Il libro segue il successo dell'omonimo spettacolo teatrale, diretto da Erika Rossi, che ha visto più di cinquanta repliche e tantissimi spettatori.
Al centro del racconto troviamo l'esperienza di Franco Basaglia, che il 16 novembre 1961 entrò in un manicomio a Gorizia restando molto colpito dalla reclusione e dai metodi terapeutici applicati. Riunì intorno a sé un manipolo di psichiatri e psicologi; Dall'Acqua lo raggiunse per lavorare insieme, nonostante non fosse ancora specializzato in psichiatria.
Basaglia riuscì a far chiudere i manicomi e fu promotore in Italia della Legge 180 nel 1978.
La legge è una sorta di rivoluzione copernicana nel mondo della psichiatria: non solo ha sancito la chiusura dell'istituzione, ma ha messo al centro dei percorsi terapeutici, la libertà e il consenso del malato.
"La frase ‘la libertà è terapeutica' - commenta Dell'Acqua - era scritta a caratteri cubitali sui muri dell'ex manicomio di Trieste e, in fondo, esemplifica il fatto che i percorsi terapeutici non possono essere efficaci se coercitivi. Solo facendo lo sforzo di riconoscere la libertà e la singolarità delle persone è possibile entrare in relazione e aiutarle".
La follia è una condizione umana, diceva Basaglia. In ogni essere umano la follia è presente come lo è la ragione. Il problema è che la società, per dirsi civile, dovrebbe accettare tanto la ragione quanto la follia.
"La vera storia di un'impensabile liberazione" fa parte della Collana 180, un archivio critico della salute mentale  diretto da Dell'Acqua con la collaborazione di Pier Aldo Rovatti. La collana a oggi conta ventuno titoli divisi in quattro sezioni (narrazione, riproposte, attualità e traduzioni) e propone storie di persone, saggi e ricerche che si costruiscono intorno al disagio e alla malattia.
S.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco