Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.677.768
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 23 aprile 2021 alle 12:39

Castello B.za: investimenti per 130mila euro in Aula. Domande su fibra, SP52 e Silea

Il “question time” ha aperto la seduta consiliare di giovedì 22 aprile a Castello Brianza. Durante lo spazio dedicato alle domande presentate dagli amministratori comunali il consigliere di minoranza Marco Formenti ha chiesto chiarimenti sul progetto di studio e messa in sicurezza della strada provinciale 52 che attraversa il centro di Cologna. «È stato – ha risposto il sindaco Aldo Riva - approvato il progetto, è entrato in graduatoria […] ma, con la prima tranche di contributi non è stato finanziato. In provincia di Lecco è stato finanziato un solo progetto […]». Per ottenere le risorse necessarie a realizzare le opere – necessarie per mettere in sicurezza la strada - l’Amministrazione comunale aveva scelto di partecipare a un bando di finanziamento regionale. Nonostante in questa fase non sia stato finanziato, restano aperte le possibilità per il futuro: «è in graduatoria e ci saranno più trance di finanziamento» ha concluso il sindaco.
Una seconda richiesta di chiarimenti è stata avanzata da un altro consigliere comunale della minoranza: Luigi Seguenza. Oggetto della domanda lo stato di avanzamento della procedura di posa, fra le strade del paese, della rete in fibra ottica per le telecomunicazioni.
Il primo cittadino, dopo aver ricordato che la rete telefonica non è di competenza comunale, ha fatto il punto della situazione in base alle informazioni pervenute in comune. «Castello Brianza come tanti altri comuni aveva stipulato una convenzione con Infratel società dello stato. C’era un programma [dei lavori] visibile sul sito, era previsto l’avvio del progetto nel luglio 2020. Chi ha fatto il ribasso d’asta al 48% non è riuscito a portarlo avanti […]. Infratel è in ritardissimo su questo programma». Come conseguenza di questa situazione «Il comune – ha continuato a spiegare il sindaco - si è attivato con Telecom-Tim altro operatore che non ha vinto l’appalto, ma che ha avuto, con il decreto “Cura Italia”, le deleghe per fare alcune zone. È stata fatta una prima concessione, la fibra c’è già in località Prestabbio e arriva fino a via delle Fornaci, nella zona industriale. La seconda trance, che arriverà dieci metri dopo il Municipio, è già stata autorizzata. Mi risulta che stanno posando il cavo senza scavare con lo spingi tubo».


Infine, un’ultima richiesta di chiarimenti ha riguardato il progetto di Teleriscaldamento che Silea – società partecipata dai comuni che gestisce il ciclo dei rifiuti – vorrebbe realizzare nei prossimi anni. L’opera avrebbe un costo di diverse decine di milioni di euro e sarebbe strettamente legata al futuro del forno inceneritore che dovrebbe essere spento nel 2032. Riva ha comunicato di non esser riuscito a partecipare – per motivi personali – all’ultima Assemblea societaria. Il primo cittadino ha però precisato che – nel caso in cui fosse stato presente – avrebbe espresso un voto di astensione di fronte alla proposta di richiedere ulteriori chiarimenti progettuali, in ottica dei passaggi futuri. Due i fattori che hanno suscitato le perplessità del primo cittadino. Le tempistiche di sviluppo della rete di teleriscaldamento – nei comuni di Lecco, Malgrate e Valmadrera – considerate troppo lunghe se rapportate alla data dell’eventuale chiusura del forno e il fatto che vi è una gara per aggiudicare l’opera attualmente in corso.
Terminato lo spazio dedicato alle domande, il vicesindaco Mario Pirovano ha annunciato la riapertura del parco giochi di via Monti, ricordando che i giochi presenti saranno sanificati periodicamente. Inoltre, sui diversi parchi di Castello Brianza sono previsti – nei prossimi mesi – una serie di interventi per sostituire alcune attrezzature e alcuni giochi ammalorati. Per questo motivo alcune di queste strutture resteranno chiuse fino a interventi ultimati.
Pirovano ha dato notizia anche dell’avvenuta installazione dei due defibrillatori acquistati dal comune con il contributo di alcune associazioni. Uno è stato posizionato in località Cologna – fra il Municipio e la scuola – e un altro nella piazza in località Brianzola.
I Bilanci comunali sono stati i principali temi posti in votazione durante la seduta. Riva ha presentato il consolidato dell’esercizio 2020 sottolineando le difficoltà incontrate a seguito della pandemia. Le minori entrate e i costi più elevati incontrati – soprattutto nell’ambito delle politiche sociali – hanno posto in difficoltà l’Ente. «Nonostante questo – ha concluso il sindaco – il Bilancio quadra». Il documento è stato approvato all’unanimità ricevendo i voti favorevoli sia della maggioranza che della minoranza.
Complessivamente il Bilancio vede un avanzo di amministrazione pari a 1,8milioni di euro. Fra queste risorse, una cifra di poco superiore al milione di euro è entrata nelle casse comunali a seguito della risoluzione della vertenza sull’area del Pascolo. Complessivamente 1,3milioni verranno utilizzati per realizzare la nuova biblioteca che sorgerà proprio in quest’area.
Per quanto riguarda invece il Bilancio di previsione – per il triennio 2021 – 2023 – è stata posta in votazione una variazione che prevede nuovi investimenti. Circa 60mila euro verranno investiti nella messa in sicurezza del territorio, 50mila euro per l’efficientamento energetico e 12mila euro per la sistemazione dell’archivio comunale. Ulteriori 6mila euro verranno impiegati per implementare ulteriormente i servizi digitali già messi a disposizione dal comune a favore di cittadini e imprese. Investimenti resi possibili anche grazie a contributi che il comune ha ottenuto da Enti superiori.
In sede di votazione la variazione al Bilancio è stata approvata con i voti favorevoli della maggioranza. La minoranza ha espresso voto di astensione.
In conclusione di seduta sono stati approvati gli sgravi sul tributo Tari che consentiranno alle attività imprenditoriali - rimaste chiuse a causa della pandemia - di ottenere uno sconto sulla parte “variabile” del tributo.
L.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco