Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.680.189
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 24 aprile 2021 alle 08:33

Bosisio nel cuore ''chiede lumi'' sul nuovo trasporto scolastico

A che punto sono le proposte alternative allo scuolabus? Lo chiede il gruppo di Bosisio nel cuore all'amministrazione comunale, dopo la decisione assunta lo scorso dicembre di eliminare, a partire dall'anno scolastico 2021-2022, il servizio scuolabus fino a oggi in uso per introdurre nuove modalità di trasporto scolastico, che a oggi però non sono ancora state rese note. Proprio l'approssimarsi della fine dell'anno scolastico ha indotto la squadra di minoranza a chiedere lumi sulle valutazioni compiute dal comune, sollecitando le risposte per i cittadini.
"L'amministrazione informava altresì che altre soluzioni di trasporto motorizzato sarebbero state vagliate, citando a titolo esemplificativo tra i servizi sostitutivi "taxi, car-pooling, bici, micro- navette - ricorda Paolo Gilardi nell'interpellanza presentata al sindaco Andrea Colombo che sarà discussa nel consiglio comunale di venerdì 30 aprile - Purtroppo, la decisione della sospensione è stata presa in seno all'Amministrazione senza prima passare per un confronto democratico in consiglio comunale o nella preposta commissione scuola. Come immaginabile la notizia dello scuolabus ha generato preoccupazione ed incertezza per tutte le famiglie fruitori del servizio e per quelle che invece avrebbero voluto avvalersene per il prossimo anno".
Il consigliere porta all'attenzione dell'amministrazione le domande raccolte dai cittadini. "Siamo tutti consapevoli della rilevante spesa economica che lo scuolabus comporta, ma siamo altrettanto consci che sia un servizio imprescindibile in quanto ausiliario all'educazione scolastica dei bambini - rileva Gilardi - In questi mesi tanti cittadini, mamme e papà ci hanno contattati, preoccupati dall'incertezza legata alla gestione del trasporto dei propri figli a partire dal prossimo anno scolastico. Le famiglie hanno bisogno di certezze per potersi organizzare altrimenti il rischio di perdere qualche alunno iscritto in favore di altri poli scolastici meglio serviti potrebbe diventare concreto. Siamo ormai a fine aprile e ancora nessuna soluzione alternativa allo scuolabus è stata ufficialmente comunicata alle famiglie".
Le richieste, indirizzate all'amministrazione tramite un'interpellanza, riguardano la soluzione di trasporto individuata, le modalità di svolgimento e il costo che verrà richiesto alle famiglie per poter usufruire del servizio.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco