Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 277.176.500
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 25 aprile 2021 alle 14:48

Dolzago, 25 aprile: una bicicletta, ricordando la staffetta partigiana

In questa giornata di ricordo e celebrazione l'amministrazione comunale di Dolzago ha deciso di esporre, presso il monumento dei caduti nel Parco degli Alpini, una bicicletta, mezzo usato dalle staffette partigiane, donne e uomini che hanno dato un grande contributo per la conquista della libertà e della democrazia.

"Purtroppo anche quest'anno viviamo la festa della Liberazione con le strade pressoché deserte, quando, al contrario, dovrebbero essere piene di persone festanti, come lo erano il 25 aprile di settantasei anni fa. Questa ricorrenza, oggi più che mai, rappresenta un momento importante per la vita civile e democratica del nostro paese. Ogni anno, in questo periodo, assistiamo a tentativi di colorazione politica, ma il 25 è una festa per tutti" ha detto il sindaco Paolo Lanfranchi dopo la benedizione, ricordando coloro che, in quegli anni, all'interno dei nostri paesi e delle nostre città, si sono battuti per un'ideale comune di democrazia e libertà.

"Oggi più che mai abbiamo la necessità di evitare che tutto questo si ripeta. Proprio per questa ragione la nostra amministrazione ha appoggiato una campagna di raccolta firme per una proposta di legge contro la propaganda fascista. Non è vero che quel tipo di mentalità è passata, è purtroppo viva e presente in tutti noi. La resistenza la dobbiamo compiere tutti i giorni, ma non con le armi: con la mentalità, con l'impegno, con il servizio e con l'aiuto verso il prossimo. Impegniamoci affinché non ci sia più la necessità di battersi perché prevalga la democrazia e la libertà" ha concluso, ringraziando il Gruppo Alpini per la presenza ed il costante impegno sul territorio.
Don Giuseppe ha poi rivolto un pensiero a tutti coloro che soffrono in questo difficile periodo storico.
Sa.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco