Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.850.208
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 01 maggio 2021 alle 08:00

Oggiono: il 2020 si chiude con 1,5milioni di euro investiti. Altri 500mila stanziati per i prossimi mesi

Tematiche amministrative e di Bilancio hanno occupato la maggior parte della seduta consiliare di venerdì 30 aprile. I consiglieri comunali hanno deliberato su argomenti che variano dall’introduzione di nuovi investimenti al rendiconto dell’esercizio finanziario dello scorso anno 2020.

Il sindaco Chiara Narciso

In apertura della riunione lo spazio è andato alle comunicazioni del sindaco Chiara Narciso. Il primo cittadino ha notificato ai consiglieri comunali che la città di Oggiono beneficerà di un nuovo stanziamento pari a 100mila euro. Le risorse provengono da Regione Lombardia e hanno il vincolo di essere applicate a lavori di messa in sicurezza del territorio o degli edifici pubblici. L’entità dei finanziamenti è stata stabilita in rapporto alla popolazione dei comuni.
Posto in votazione è stato approvato il programma degli incarichi 2021. Verrà nominato – l’attuale è in scadenza contrattuale – un responsabile esterno per la protezione dei dati. Un secondo incarico riguarderà il nucleo di valutazione delle performance, trasparenza e anticorruzione. Anche in questo caso si tratterà di un affidamento esterno, l’attuale era in scadenza il 31 maggio prossimo.

L'assessore Nadia Crippa

Il rendiconto di Bilancio dell’anno 2020 – introdotto all’aula dettagliatamente dall’assessore Nadia Crippa - vede un avanzo di amministrazione pari a 3,3milioni di euro. A determinarlo 2milioni di euro derivanti dall’avanzo del 2019 e 1,3milioni di euro quali risultato di gestione del 2020. Il fondo crediti di dubbia esigibilità è pari a 1,9milioni di euro, in aumento visti i minori incassi legati al 2020 come conseguenza della pandemia. Durante lo scorso anno sono entrati nelle casse comunali circa 500mila euro di provenienza statale, come forme di contribuzione per superare le situazioni di emergenza imposte dalla crisi e supporto per effettuare nuovi investimenti. Dei 3,3milioni di euro di avanzo complessivi poco più di 870 mila euro sono disponibili per investimenti o spese del comune. Continua il calo dell’indebitamento che nell’ultimo quinquennio è passato da più di 5milioni di euro a 3miloni e 400mila euro. 16milioni di euro il patrimonio netto del comune.  Durante lo scorso anno sono entrate nelle casse comunali risorse per 9,8milioni ei euro di cui accertate 8,6milioni. Le spese per titoli sono state 11milioni di euro stanziate e 7,8 milioni quelle impegnate. Un quadro che da l’impegnato in rapporto allo stanziato vicino al 70%. Dato di fronte al quale l’assessore Crippa ha parlato di «programmazione ben riuscita nonostante l’anno vissuto». Soddisfatto anche il sindaco: «Si è colta ogni opportunità, c’è stato un grande lavoro da parte dell’ufficio tecnico – per cogliere ogni opportunità offerta da bandi e altri finanziamenti». Una domanda di chiarimento sugli investimenti fatti – sottoposta dal consigliere di minoranza Lamberto Lietti – ha offerto al primo cittadino l’occasione di entrare nei dettagli di quanto realizzato. Sono state 1,5milioni di euro le risorse complessivamente investite in opere pubbliche nel solo 2020. Ben 1,1milioni di provenienza dalla casse comunali, 400mila da Regione Lombardia e 100mila euro dallo stato. Fra le diverse opere il primo cittadino ha ricordato: 17mila euro per la scuola Salvo D’Acquisto, 77mila per la regimentazione dei torrenti, 33mila per l’adeguamento della rimessa comunale, 40mila per abbattimento delle barriere architettoniche, seguite da un secondo investimento di pari importo. Per la riqualificazione della Scuola Media sono stati spesi 47mila euro, per la ristrutturazione della scuola Diaz con la conversione della casa del custode in mensa 75mila euro, rimozione dell’amianto dal tetto della caserma dei Carabinieri 77mila euro, 100mila euro sono stati investiti nella sistemazione di via Molinatto, 99mila per asfaltature di diverse strade, ulteriori 60mila per riqualificazioni, 50mila per il centro di raccolta, 130mila per la sistemazione di via Chiarè, 75mila per Villa Sironi, 99mila per il parcheggio di via Monte Grappa, 45mila per via Bagnolo, 88mila per il restauro del tetto della portineria di Villa Sironi, 61mila per il camminamento esterno alla scuola Salvo d’Acquisto, 50mila per il camminamento del parco del Peslago, l’abbattimento delle barriere architettoniche della palazzina dei vigili 46mila euro, 50mila per la videosorveglianza, 50mila per l’ulteriore abbattimento di barriere architettoniche, 25mila per la tombinatura di via Piave e 130mila euro per il parco di via Cimavalle. «Nonostante l’anno complicato c’è stato uno sforzo per sfruttare tutte le opportunità» ha concluso il sindaco.

Il consigliere Lamberto Lietti. Sotto Debora Acerbi


I consiglieri di minoranza Lamberto Lietti e Debora Acerbi hanno chiesto una serie di chiarimenti su diversi aspetti: area feste della Pro loco, futuro della fiera di Sant’Andrea, contributi alle partite iva per la crisi, l’accantonamento delle risorse per ripianare il debito di Retesalute e gli investimenti sul sociale. Su quest’ultimo aspetto Acerbi ha chiesto chiarimenti, oltre che sul centro sportivo, su Auser e centro anziani proponendo di lavorare a un progetto per contrastare il gioco d’azzardo. Le risposte della maggioranza non sono mancate e hanno fatto emergere alcune situazioni significative. Sull’area feste della Pro Loco non c’è ancora una situazione ben definita, la maggioranza si è dichiarata al lavoro, vagliando una serie di soluzioni. Per le partite Iva sono stati complessivamente stanziati 74mila euro che hanno raggiunto oltre 100 liberi professionisti. Le pratiche progettuali per adeguare il centro sportivo alle normative di legge sono ancora in corso e hanno subito un rallentamento a seguito dell’emergenza pandemica che ha ridotto le opportunità di confronto fra comune e autorità coinvolte. Con l’Auser l’intenzione dell’Amministrazione è di continuare a lavorare oltre i due anni previsti dal primo accordo, mentre il vicesindaco Michele Negri ha confermato l’interesse dell’Amministrazione comunale nel lavorare a un progetto di contrasto del gioco d’azzardo. La pandemia e altre difficoltà hanno invece posto in crisi il centro anziani. La maggioranza ha espresso la volontà di rilanciare le attività di questo spazio ricreativo.
Le valutazioni complessive sul rendiconto 2020 di maggioranza e minoranza sono però rimaste distanti. Il gruppo di «Per Oggiono» guidato da Lamberto Lietti – che pur riconoscendo le difficoltà dovute alla pandemia ha sottolineato una certa mancanza di programmazione da parte della maggioranza, rilevando aspetti giudicati non positivi nel Bilancio - ha espresso parere negativo di fronte al documento che è stato approvato con i soli voti della maggioranza.
Come ultimo punto all’ordine del giorno i consiglieri comunali di maggioranza hanno approvato l’applicazione di 500mila euro dell’avanzo. Serviranno per una serie di investimenti fra cui: la sistemazione della scalinata della scuola Diaz, la riqualificazione della Scuola Media Marco d’Oggiono, la sistemazione del parco Orianna Fallaci. Una parte significativa di queste risorse sarà destinata ai contributi sociali per far fronte all’emergenza covid.
L.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco