Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.852.799
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 03 maggio 2021 alle 12:14

Bosisio: per le minoranze è responsabilità politica l’avanzo di bilancio di 408.000 €

Il bilancio consuntivo 2020 del comune di Bosisio Parini si è chiuso con 408.000 euro di avanzo disponibile. Una cospicua cassa, criticata dai due gruppi di minoranza che hanno sottolineato la debolezza politica dell’amministrazione.
Il consiglio di venerdì 30 aprile si è aperto con un minuto di silenzio in rispetto all’evento tragico che ha colpito il paese con il decesso, a causa di un incidente stradale, di Fabrizio Zanette.


L’amministrazione ha chiuso l’anno 2020 con un risultato di 1.568.000 euro, così ripartito: 500.000 euro accantonati; 370.000 euro vincolati per una destinazione stabilita dalla normativa; 303.000 euro la parte degli investimenti e 408.000 euro di parte disponibile e liberamente spendibile sulle opere in conto capitale. Il vice sindaco e assessore alla partita Andrea Galli ha offerto una spiegazione dell’avanzo, riconoscendone l'incremento del 25% rispetto all’anno precedente e “la responsabilità politica”: “Abbiamo avuto mutui che hanno usufruito di una moratoria sospensiva. Queste risorse non si sono completamente svincolate. Gli avanzi sono legati ai residui: gli oneri e gli accertamenti entrati a fine anno sono quindi andati in avanzo. Una quota è poi occupata dalle risorse inviateci dalla Regione che ha fatto finire le nostre in avanzo. Non abbiamo potuto portare avanti più progetti contemporaneamente perché i dipendenti comunali non riescono a seguire tutto. Una parte di avanzo verrà già in parte utilizzata quest’anno”. Nel consuntivo figurano anche 130.000 euro di risorse stanziate per il Covid-19, delle quali 30.000 euro utilizzate: “Forse queste risorse dovranno essere restituite, ma può essere che rimangano disponibili”.



All’attacco il capogruppo di Bosisio Viva, secondo cui “l’avanzo dipende dalla politica. Mi aspettavo una situazione diversa vedendo il bilancio. Non mi aspettavo un avanzo di questo tipo che rende evidenti le lacune - ha detto Giacomo Gilardi - È possibile che, con i lavori da fare, avanziamo sempre questi soldi? Abbiamo una situazione di bilancio florida. Non riesco a capire dove sia il problema di doverli usare. Il problema forse è il raccordo tra gli uffici e la politica: avere progettualità, esserci, supportare gli uffici, reperire le risorse”. Il consigliere d’opposizione ha elencato una serie di interventi che avrebbero potuto essere stati conclusi: “Si poteva completare la passeggiata lago, intervenire sul cimitero o sulla pubblica illuminazione carente. È capitata una tragedia che ci fa capire, in primis a me, dove mettere le risorse necessarie. Negli ambulatori medici non c’è connessione internet che funziona. Mettete l’orecchio con i cittadini: le critiche sono tante e arrivano anche dai vostri elettori. Abbiamo davanti periodi dove arriveranno risorse spendibili e purtroppo non saremo pronti. Piuttosto che fare questi avanzi, abbassate le tasse”.



Anche per Bosisio nel cuore le risorse andavano utilizzate: “Posso capire che è stato un anno difficile con alcuni mesi in cui l’amministrazione è stata paralizzata per obbligo, ma mi aspettavo a fine anno di vedere la voglia di investire. Il paese chiede investimenti, anche semplici: bisogna essere pronti a fare partire i progetti quando le risorse sono a disposizione. Ci aspettiamo che nel 2021 ci sia un’attività politica amministrativa più intensa perché una buona amministrazione è quella che ha il coraggio di spendere. La progettualità va fatta a inizio amministrazione. Sono passati due anni: questo passo ce lo aspettavamo prima, non ora”.
Ha replicato Galli: “Prendo atto della critica politica, ma in merito alla progettualità dico che vogliamo predisporre i progetti preliminari per realizzare le opere con risorse nostre. I soldi in avanzo vanno sull’anno successivo e non significa che non vengano spesi. L’iter per fare le opere è lungo: le procedure sono previste dalla legge”. In merito ai suggerimenti di Bosisio Viva sugli interventi da attuare, ha fatto presente che sono già stati presi in considerazione dall’amministrazione: “Abbiamo messo 30.000 euro sul cimitero, mentre sull’illuminazione dobbiamo rifare la concessione e una parte della gara è con investimenti migliorativi. Abbiamo appena rifatto un tratto di marciapiede mente sulla connessione negli ambulatori abbiamo 180mega in download: è la connessione più veloce di tutti gli uffici comunali”.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco