Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 277.742.489
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 11 maggio 2021 alle 13:02

Bulciago: 'mamma Isis' condannata a 4 anni, ora Alice ha intrapreso 'un percorso di recupero'

Alice Brignoli
La Procura, lo scorso 4 maggio, aveva chiesto 5 anni di reclusione. A distanza di una settimana il GUP Daniela Cardamone del Tribunale di Milano ha condannato a 4 anni - al netto dello sconto di un terzo della pena assicurato a chi opta per il rito abbreviato, facendosi di fatto processare sugli atti d'indagine - Alice Brignoli, la foreign fighter italiana moglie del defunto militante Isis Mohamed Koraichi, partita da Bulciago nel 2015 per intraprendere - con tre figlioletti al seguito - un lungo viaggio verso la Siria per unirsi alla causa dello Stato Islamico. Terrorismo internazionale l'accusa mossa nei confronti della 42enne, rimpatriata in Italia solo nel settembre dello scorso anno dal ROS dei Carabinieri che aveva l'aveva prelevata con i bambini - nel frattempo diventati quattro - da un campo profughi Al-halw, nel nord della Siria sotto il dominio curdo.
Lei e il marito, morto nella terra del Califfato, erano tra i sei destinatari dell'ordinanza di custodia cautelare nell'ambito dell'inchiesta Terre Vaste che, nell'aprole 2016, grazie all'attivià coordinata di Digos e Ros, aveva portato all'arresto di quattro persone, due delle quali residenti nel lecchese: il "pugile dlel'Isis" Abderrahim Moutaharrik, intenzionato, parrebbe a compiere un attentato in Vaticano, sua la moglie Salma Bencharki nonchè Abderrahmane Khachia e Wafa Koraichi, quest'ultima sorella di Mohamed, marito di Alice che, dalla conversione, aveva scelto di farsi chiamare "Aicha".
Stabilita dal giudice altresì una provvisionale - immediatamente esecutiva - per ciascono dei quattro figli, ancora in tenera età, della bulciaghese, attualmente ospitati in una comunità protetta, rappresentati dall'avvocato Silvia Belloni quale avvocato e curatore speciale. Proprio sul futuro dei bambini, "mamma Isis" avrebbe affermato di voler ripartire da loro, rendendo spontanee dichiarazioni prima della sentenza. Avrebbe già intrapreso - come confermato dal coordinatore del pool antiterrorismo della Procura di Milano Alberto Nobili, un percorso di recupero. "Speriamo davvero invece che questo inizio di percorso della Brignoli possa concludersi in modo positivo con un recupero della sua identità che secondo le sue stesse parole era stata smarrita per strada", le parole del PM.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco