Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 277.976.992
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 11 maggio 2021 alle 18:14

Casatenovo: Guitar Landscape Ensemble in finale al concorso internazionale ''Cadenza''

Durante l'ultimo anno segnato dall'emergenza sanitaria, il settore della musica è stato forse uno dei più coinvolti, e indubbiamente fra gli ultimi che potranno tornare in funzione ai livelli che conoscevamo prima della pandemia.
La passione, l'impegno e il talento musicali non si sono però fermati in questi mesi, a dimostrazione della tenacia e della resilienza di questo mondo, spesso troppo sottovalutato o persino dimenticato.
Un segnale importante di voglia di ripresa e di ardore musicale proviene proprio dai musicisti della Guitar Landscape Ensemble, la formazione di chitarristi della scuola che ha sede a Villa Mariani di Casatenovo, diretta da Marco Cazzaniga, che sono risultati finalisti del concorso di fama internazionale "Cadenza Contest".

Guitar Landscape Ensemble

L'ensemble, diretta dal maestro Matteo Redaelli, è riuscito a ricevere punteggi favorevoli dalla giuria, composta da figure prestigiose ed autorevoli del settore, ed è ora in attesa di passare alla fase finale del concorso insieme a tutti gli altri musicisti e cantanti internazionali che hanno superato la fase eliminatoria. Oltre a loro, da un iniziale inoltro di circa 400 video, sono stati selezionati solo una ventina chiamati ad inviare anche un secondo video e l'ensemble di Casatenovo è l'unico formato solo da chitarre classiche. Il concorso è stato infatti interamente svolto online per dare ai musicisti classici, strumentisti, cantanti ed ensemble di qualsiasi nazionalità di tutto il mondo la possibilità di mostrare le proprie capacità e di compiere passi determinanti per la propria carriera, offrendo poi concrete opportunità ai finalisti, dato che i membri della giuria sono noti musicisti inseriti nelle maggiori istituzioni musicali del mondo. 

Il maestro Matteo Redaelli

Quest'ultima è stata chiamata lo scorso inverno ad esaminare i video mandati dai concorrenti e dopo aver selezionato i primi finalisti, ora, nella seconda fase del concorso, dovrà invece decidere i nomi dei finalisti che riceveranno il premio in denaro da 1.000 euro. La scuola di Villa Mariani si riconferma quindi una struttura di formazione e ricerca musicale d'eccellenza sul territorio, grazie ai suoi oltre 30 anni di storia e alla presenza di docenti dal curriculum impeccabile. Guitar Landscape Ensemble è stato invece fondato nel 2014 dalla storica insegnante di chitarra della Guarnieri, Patrizia Rebizzi, ed è attualmente diretto da Matteo Redaelli, che ne ha assunto la guida nel 2017 dopo la prematura scomparsa della fondatrice. Il gruppo è da sempre attivo nelle rassegne musicali del Consorzio Brianteo Villa Greppi ed è composto da sei chitarristi: Andrea Bravi, Giulia Fumagalli, Lorenzo Buzzotta, Gabriele Sardo, Fabrizio Ferrigno e Giuseppe Gentile, per la maggior parte allievi della fondatrice. Durante la prima fase concorsuale i musicisti hanno eseguito "Escualo", un brano di Astor Piazzolla nella trascrizione dell'ex direttore della scuola, Massimo Mazza, e "She's leaving home" dei Beatles, trascritta dal compositore cubano Leo Brouwer e adattata dal direttore Marco Cazzaniga per l'ensemble.

Al centro Patrizia Rebizzi scomparsa nel 2017

Per quel tipo di composizione non c'era infatti un repertorio originale già esistente, ed è quindi stato realizzato interamente su misura per loro, riscuotendo il favore e l'apprezzamento della giuria. "Come diceva Andres Segovia, celebre maestro della chitarra spagnola, la chitarra è una piccola orchestra e il potenziale espressivo di un ensemble simile è davvero unico, così come il repertorio a cui può accostarsi, che non manca certo di originalità ed è in grado di stupire gli ascoltatori, qualsiasi sia la loro estrazione musicale" ha commentato il direttore Cazzaniga, annunciando anche che per la fine dell'anno la scuola nel suo insieme sta lavorando alla realizzazione di un saggio finale con lo scopo di lanciare anche un messaggio di speranza dal mondo della musica, che non vuole fermarsi e che vuole continuare a far emozionare i propri ascoltatori.
M.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco