Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 277.331.226
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 18 maggio 2021 alle 08:44

Retesalute e contabilità

Da tempo seguo le intricate vicende di Retesalute. Per chi non è addentro le questioni politiche, la vicenda appare complicata e oscura.
Un dato però è accertato: il detonatore che ha fatto esplodere la situazione è la contabilità.
Eppure chiunque ha lavorato con una calcolatrice in mano, sa che preventivi congrui, ammortamenti, magazzino, pagamenti dei fornitori, costi per liquidazioni dei dipendenti ecc. sono la base di ua corretta amministrazione contabile.
I costi determinano il prezzo di un prodotto o di un servizio. Vendere sotto costo porta al fallimento e più si lavora sotto costo, più veloce arriva il fallimento.
Per cui la qualità dei servizi di Retesalute, non era poi così eccelsa, ma frutto di offerta a prezzi ''drogati''.
Quindi vorrei sapere, chi ha tenuto la contabilità e chi doveve controllarla, che fine hanno fatto?
Alla fine i creditori saranno pagati dai Comuni con i soldi dei cittadini; cosa che non succede nei fallimenti privati.
Qualcuno sarà chiamato a rifondere il danno causato?
Una contabilita come quella che è emersa è frutto solo di incapacità di contabili e revisori dei conti?
Un vostro lettore
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco