Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 327.320.152
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 29 maggio 2021 alle 11:45

Casatenovo ricorda il prof.Sandro Pirovano intitolandogli l'archivio comunale

Il professor Sandro Pirovano
L'archivio comunale di Casatenovo sarà intitolato a Sandro Pirovano, docente e storico classe 1942 venuto a mancare lo scorso febbraio. Ad annunciarlo, l'altra sera, è stato il sindaco Filippo Galbiati durante la seduta consiliare, specificando che la scelta ha ottenuto assenso unanime da parte dei tre gruppi di maggioranza e opposizione.
''Abbiamo avuto modo, anche negli anni scorsi, sul finire della sua attività all'interno del municipio, di conoscerlo e di apprezzarlo. Persona distinta, di grande cultura e molto piacevole'' ha detto il primo cittadino. ''Lascia un ricordo molto positivo. Ha lavorato a lungo sui temi della storia locale e della Brianza, su quelle che sono le radici della nostra comunità e famiglie, lasciando segni importanti anche in termini di pubblicazioni. I dipendenti comunali ricordano ancora oggi il suo lavoro prezioso di riordino dell'archivio comunale che è uno dei meglio tenuti, proprio per merito del professor Pirovano, che aveva grande competenza in questo senso nel suo percorso professionale. Con grande piacere proponiamo questo atto di indirizzo''.
Il sindaco ha poi dato lettura del suo profilo biografico, ricordando anche l'assegnazione del Premio San Giorgio alle arti e alla cultura, edizione 2020, con la seguente motivazione: ''per la sua attività a favore dello studio e della conoscenza della storia del nostro territorio attraverso le sue pubblicazioni; vero uomo di cultura, estremamente riservato, si è occupato con passione del riordino degli archivi comunale e parrocchiale''.
Una vita spesa con grande attenzione e passione al servizio del territorio quella del professor Pirovano. Originario di Monticello, ma residente a Casatenovo dal 1967, si era laureato in lettere presso l'università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, dedicandosi poi all'insegnamento presso alcune delle principali scuole del territorio: dalla media Agnesi passando per l'istituto Badoni di Merate, sino all'ex Pessina (oggi Graziella Fumagalli) di Casatenovo appunto. Archivista e paleografo, dopo il pensionamento si era dedicato al riordino di svariati archivi parrocchiali e comunali: da Casatenovo ad Annone, passando per Agrate, Monticello, Parre in Valseriana e Sirtori. Numerose anche le pubblicazioni nell'ambito delle ricerche storiche compiute.

Il sindaco Galbiati mentre dà lettura del profilo biografico del professor Pirovano

Soddisfazione per la scelta di ricordare Sandro Pirovano è stata espressa anche dai capigruppo. A partire da Fabio Crippa, che è stato suo alunno alle scuole medie: ''ho mantenuto con lui un rapporto molto costante fino alla sua malattia. Era una persona di grandissimo ingenio e sensibilità, di non moltissime parole ma di grande servizio. E' sempre stato a disposizione oltre che dei suoi alunni, anche della popolazione di Casatenovo e della parrocchia. Infinite volte ha raccontato ai bambini del catechismo le vicende della chiesa di San Giorgio, facendo anche da guida. Questo testimonia la grandezza della sua figura'' ha detto l'esponente di Persone e Idee, gruppo di maggioranza, mentre il vicesindaco Marta Comi si è espressa così: ''il professor Sandro Pirovano ha fatto tanto senza mettersi in mostra. Lo conoscevano tutti, ma credo non sia mai comparso sui giornali e questo la dice lunga rispetto a quanto abbia lavorato, in silenzio, per la nostra comunità. E' importante ricordarlo attraverso l'intitolazione di un posto che gli era caro''.
Marco Pellegrini di Più Casatenovo pur non avendolo conosciuto approfonditamente ha definito l'intitolazione ''un piccolo segno, ma importante nei confronti di un cittadino che si è speso per la nostra comunità''.
Un applauso, seguito dal voto unanime del consiglio, ha chiuso uno dei primi punti all'ordine del giorno della seduta.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco