Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 277.328.406
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 05 giugno 2021 alle 16:46

Accadeva 30 anni fa/69, marzo: Missaglia, liquami nell'acqua. Nona rapina in Posta a Monticello. Sironi capogruppo a Casate

Atto vandalico o casualità? Se lo domandano il diretto interessato e le forze dell'ordine chiamate a indagare. L'auto andata in fiamme di proprietà di un assessore del comune di Missaglia è vecchia e un corto circuito appena spento il motore può sempre innescarsi. Ma l'assessore è anche il "padre" del Piano regolatore generale; e poi il fatto è accaduto attorno alle 20 nella centrale via Merlini in mezzo ad altre automobili, mentre l'assessore era in municipio per una seduta di Giunta. Testimoni del vicino bar dicono di aver visto due persone scendere da un'auto, probabilmente una Fiat Uno, rompere il finestrino dell'auto dell'assessore e gettarvi dentro materiale incendiario. Gli stessi ragazzi hanno chiamato i vigili del fuoco il cui intervento ha impedito che le fiamme si propagassero ad altre auto. Danno materiale ridotto data la vetustà del mezzo ma morale molto grave.

Alberto Zangrillo

A Missaglia invece è l'assessore alla pubblica istruzione, Alberto Zangrillo, un medico che farà carriera negli anni sino a diventare il clinico di fiducia di Silvio Berlusconi, a entrare nel mirino delle opposizioni. In Comune - sostengono - non si vede quasi mai. Non è così che si assolve al dovere per cui è stato eletto e pure nominato assessore dal sindaco. Lui, Zangrillo, si difende dicendo che sì il lavoro in ospedale è impegnativo ma le risposte ai cittadini le ha sempre date. E lo scontro continua.

Il mondo economico è in effervescenza. I Supermercati Brianzoli (400 miliardi di fatturato nel 1989) passano di mano dalla famiglia Franchini alla Standa al 75% di proprietà della Fininvest. Prezzo della transazione, 10 miliardi in contanti e il 15% della Standa stessa. 170 miliardi di lire la valutazione del gruppo Essebì.

A Casatenovo la Nestlé che ha rilevato la Vismara dall'omonima famiglia annuncia l'ingresso sul mercato del "cotto" prodotto in altro stabilimento. La forza lavoro è ancora composta da ben 600 addetti cui, novità assoluta, è stato chiesto il turno di lavoro per assorbire la produzione, circa settemila prosciutti cotti la settimana dell'unità produttiva di Moretta in fase di smantellamento.

Un'assemblea dei lavoratori Vismara

Ben 250 grammi di eroina pura viene scoperta dai carabinieri dentro un vasetto di conserva. Il vasetto era sotto un leggero strato di terra, ricoperto da foglie, in località Ca' Rossa a Cassago. Da tempo i militari di Cremella effettuavano appostamenti in borghese per sorprendere gli spacciatori. Ma, evidentemente qualcuno si era accorto. Così il vasetto di eroina da tagliare - valore non meno di 30 milioni di lire - restava nascosto. Decisi a rompere gli induci i militari effettuavano un blitz nella zona arrivando così a scoprire il prezioso vasetto.

Il 9 marzo a Casatenovo Domenico Galbiati, segretario della Dc locale, raduna tutti gli iscritti per fare il punto della situazione dopo l'improvvisa scomparsa dell'ex sindaco e capogruppo Giovanni Maldini. Sul tavolo del confronto non solo la questione della scelta del nuovo capogruppo ma anche i rapporti con l'alleato socialista con cui i contrasti sono sempre più evidenti e il ruolo della città di Casatenovo nel circondario. Galbiati, che pure aveva avuto scontri durissimi con Maldini - costui più aperturista nei confronti dei comunisti, Galbiati arroccato su posizioni governative Dc-Psi - sollecita tutti a riprendere in mano il progetto della Città Brianza lanciato dall'ex sindaco. Il solo modo per porre Casatenovo al centro del territorio è rilanciare il progetto di unificare in un'unica grande città composta però da tanti municipi e campanili i paesi che gravitano attorno. Obiettivo, associare i servizi più importanti da dislocare poi nei comuni aderenti lasciando a ciascuno la gestione dei servizi di base con l'anagrafe e i cimiteri.

Giliola Sironi e Domenico Galbiati

Tre giorni di emergenza idrica per gli abitanti delle frazioni di Maresso, Ossola e Campù. Oltre tremila persone costrette a rifornirsi con i sacchetti preconfezionati distribuiti dalla protezione civile di Bergamo e dai dipendenti comunali di Missaglia, a causa della rottura di una condotta che collega il centro di captazione di Campù con i pozzi situati a Molino Frattino. La rottura è avvenuta proprio nei pressi di una porcilaia e i liquami sono penetrati nella condotta dell'acqua potabile. Tre giorni di calvario per la popolazione. Riparata la condotta i tecnici svuotano il serbatoio di 250 metri cubi d'acqua prima della disinfestazione.

L'emergenza idrica a Missaglia

Alle 9,10 del 14 marzo due banditi fanno irruzione nell'ufficio postale di Monticello che si trova a poche centinaia di metri dalla caserma dei carabinieri di Casatenovo. Con i caschi i testa e le pistole in pugno, incuranti delle tante persone dentro l'ufficio scavalcano il bancone e si appropriano di contati e assegni per 70 milioni. Poi si danno alla fuga a bordo di una Lancia Thema. Quel giovedì era giorno di pagamento di pagamento delle pensioni per un centinaio di monticellesi. E, fatto importante, quella era la nona rapina che subiva l'ufficio postale.

Giliola Sironi l'aveva annunciato a muso duro: piuttosto che affidare la carica di capogruppo in consiglio comunale a Guglielmo Colombo mi candido io. Detto fatto Giliola Sironi assume la carica di capigruppo. Il Colombo che aveva avuto uno scontro molto duro con Giovanni Maldini è solo vice. Il lungo curriculum e la comprovata capacità politico-amministrativa fanno della Sironi la persona ideale per succedere a Maldini. E al posto dell'ex sindaco a capo del Consorzio Brianteo acqua potabile - che proprio a lui si deve la nascita - viene proposto Fausto Casati.

Sono le ultime ore per la "Curt Bellani", una delle ultime cascine che stringono la via a Galgiana rendendo molto difficoltoso il transito dei mezzi. L'impresa Fumagalli ha presentato il progetto di ricostruzione di una corte a ridotto di villa Mariani arretrata però di circa sei metri rispetto all'attuale cascina in modo da consentire l'allargamento della sede stradale. Tanti i curiosi a vedere i tecnici all'opera attorno all'antico edificio.

Le volontarie di Federcasalinghe

Il 22 marzo si inaugura la nuova sede casatese di "Federcasalinghe". La sede provvisoria è al piano terra di villa Farina. Una volta ultimati i lavori salirà al piano superiore. Alla cerimonia inaugurale la coordinatrice provinciale Rosanna Vasco e la capogruppo locale Lucia Gerosa. Presente anche il sindaco Angelo Perego.

La formazione del Cassago

Continua a entusiasmare il calco dilettantistico che riesce sempre ad attrarre molti tifosi. Tra le tante squadre questa volta segnaliamo i giovanissimi della casatese e i "cugini" del Cassago.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco