Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 283.919.887
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 13 giugno 2021 alle 15:10

Cassago: ''Lezion de Dante'' nell'anniversario del Poeta

L'assessore alla cultura Monica Conti
Quest'anno si celebra il 700° anniversario dalla morte di Dante Alighieri e anche l'amministrazione comunale di Cassago Brianza ha deciso di ricordare il sommo poeta con una "Lezion de Dante" che si terrà al parco monumentale del Rus Cassiciacum. Domenica 20 giugno alle 17 si svolgerà un'originale lettura di alcuni canti del capolavoro di Dante: la Divina Commedia. I canti verranno declamati alternativamente in lingua italiana e lombarda da Ettore Fiorina e Renato Ornaghi. Tra le tante "Lezion de Dante" proposte per ricordare il poeta, quella organizzata dall'amministrazione cassaghese porta con sé una nota di novità: sarà infatti una delle prime ad essere proposta come lettura comparativa, che alternerà la lingua originale italiana a un idioma regionale italico. La Commedia dantesca, suggestiva già di per sé, verrà arricchita dal parco del "verdeggiante Paradiso" della villa rustica dell'amico Verecondo, che ospitò la conversione cristiana di Agostino di Ippona. Proprio al parco Rus Cassiciacum con la lettura comparata si cercherà di dimostrare, come fece Dante negli anni di stesura del componimento, che l'allora "volgare" e quindi, oggi, il dialetto lombardo, ha la possibilità di trattare anche i temi più "alti". L'obiettivo della lettura è proprio dimostrare come i dialetti e le varietà regionali non debbano precludersi alcun ambito di utilizzo: non vadano cioè relegati in una riserva protetta, utili solo a declamare proverbi popolari e canzoni folkloristiche. Il reading dantesco di domenica 20 giugno sarà un'occasione per ragionare sull'opportunità di mantenere e non comprimere l'uso di un doppio registro linguistico in una comunità, senza creare subalternità di una lingua rispetto all'altra. Ogni lingua è un universo a sé: ha una sua personalità e un suo carattere distintivo, e mostra l'identità e la visione del mondo di chi la parla.

CLICCA QUI per il comunicato stampa
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco