Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 283.916.899
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 16 giugno 2021 alle 17:01

Oggiono: si 'invaghisce' di una ragazza e per anni la perseguita, africano a giudizio

Ha chiesto di poter puntualizzare un'ultima cosa prima di chiudere la propria deposizione: "non mi sono costituita parte civile. Non sono interessata a un risarcimento. Voglio solo che la smetta. Ho anche speso del denaro per andare dallo psicologo dopo questa esperienza. Ma non chiedo niente. Solo che la smetta". Impossibile rimanere impassibili dinnanzi alla testimonianza resa quest'oggi da una giovane donna dinnanzi al giudice Nora Lisa Passoni nell'ambito del processo intentato nei confronti di un uomo - senegalese, classe 1977 - che per anni, invaghito di lei, l'avrebbe resa oggetto di morbose attenzioni, in un "corteggiamento" non ricambiato trasceso fin da subito in continui tentativi di contatto telefonico, pedinamenti e (forse) anche in danneggiamenti a carico dell'auto in uso alla poveretta, avvisata così della presenza del soggetto nei luoghi da lei abitualmente frequentati e perfino sotto casa. Atti persecutori l'ipotesi di reato formulata a carico dello straniero, non presente in Aula e mai nemmeno entrato in contatto con l'avvocato messogli a disposizione d'ufficio. Stalking per dirla con un termine in voga.

Assolutamente brillante nell'esposizione - affermando a più riprese di avere una vita dinamica, tanto da aver vissuto anche del tempo in Turchia per lavoro senza sentirsi mai così indifesa e insicura come negli anni in cui si è trovata a fare i conti con la presenza indesiderata di quell'Omar ora a giudizio - la ragazza ha snocciolato una serie di episodi a riprova di come la sua quotidianità sia stata stravolta dall'africano che, avuto il suo contatto, avrebbe iniziato a bersagliarla di chiamate e messaggi, anche tramite whatsApp, cambiando a più riprese numero per aggirare i blocchi impostati dalla donna, portata a rispondere alle telefonate per esasperazione, susseguendosi senza soluzione di continuità arrecandole disturbo. In un'occasione, dopo aver trovato la sua macchina - parcheggiata negli stalli di un supermercato - cosparsa di cera, la denunciante si sarebbe sentita raccontare dall'uomo all'altro capo del telefono di essere stata sognata quella stessa notte, a mano con la di lui sorella... scomparsa però da cinque anni, quasi dunque a preannunciarle la morte.
E ancora in più occasioni avrebbe ricevuto per iscritto o a voce apprezzamenti sul suo look o l'acconciatura sfoggiata proprio in quel momento, vivendo così "con la sensazione di essere sempre spiata".
A Oggiono, teatro di gran parte degli episodi, in occasione del Fierone del 2019 mentre con il nipotino guardava i pesci ad una bancarella avrebbe sentito letteralmente il fiato dell'uomo sul collo, voltandosi e trovandoselo di fronte. Cambiata casa, a renderla rintracciabile ci avrebbe pensato... il Tribunale stesso, inviando all'imputato un ordine di comparizione con indicato il nuovo indirizzo della querelante, ritrovatasi così con l'auto, parcheggiata ai piedi del nuovo appartamento in altro comune, oggetto a più riprese di danni, ricondotti al senegalese, pur non avendone prova, come sottolineato in tutta onestà.
"Si è beffato anche del sistema" ha però aggiunto la ragazza, ricordando quando fece rispondere all'ennesima telefonata a un suo collega (pronto a spacciarsi per il suo fidanzato) che si sarebbe sentito dire dall'africano "non mi hanno fermato i carabinieri, figurati tu". Ammettendo che si sarebbe aspettata una risposta più pronta da parte dello Stato la donna ha comunque lasciato l'Aula senza esprimere livore, pur ribadendo, con dignità, la sua richiesta di aiuto, per essere "liberata". Acquisiti gli altri atti d'indagine, il prossimo 14 luglio sono previste discussione e sentenza.

A.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco