Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 283.919.221
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 16 giugno 2021 alle 17:35

Maturità 2021: al Greppi e al Fumagalli i primi candidati, pronti per il 'maxi-orale'

Finalmente il giorno tanto atteso è arrivato, questa mattina alle 8.30 è scattato per tutta Italia il momento fatidico della maturità. Addio scritti, tema e terza prova, abbandonati l’anno scorso causa covid anche per evitare assembramenti, al loro posto un unico esame orale per testare le conoscenze acquisite nel corso dei cinque lunghi anni di studio. Nonostante i diversi indirizzi la modalità è uguale per tutti: si inizia con la discussione di un elaborato svolto dai candidati sulle materie di indirizzo e sulla traccia comunicata dai propri docenti, si passa poi all’analisi di un testo di letteratura italiana e poi tramite del materiale fornito dalla commissione arriva il momento di collegarlo con tutte le materie creando un discorso fluido ed organico, infine il resoconto dell’esperienza dell’alternanza scuola-lavoro. Qualche giorno fa c’era stato il sorteggio della lettera per poi stilare l’ordine delle interrogazioni, il tipico terno al lotto in cui conta solo una buona dose di fortuna, oggi si sono aperte le danze.
Questa mattina anche i ragazzi del casatese si sono ritrovati fuori dagli istituti in attesa del loro turno e per supportare i propri amici. All’istituto Greppi di Monticello e al Graziella Fumagalli di Casatenovo si respirava una forte aria di attesa, i fogli che passavano di mano in mano per riguardare gli ultimi appunti e poi tutto d’un tratto il vuoto, la consapevolezza che è finita, un vortice di emozioni improvvise che necessiteranno di tempo per essere messe in ordine. Subito i ragazzi cercano di mettere in fila i pensieri, hanno bisogno di raccontare ai loro amici, venuti a sostenerli, fanno un primo bilancio su cosa sia andato storto, sulle loro aspettative mantenute e ribaltate, poi tirano un sospiro di sollievo, è finita.


Fabio, terzo da sinistra

Gli amici di Fabio lo attendono festosi fuori dall’istituto Greppi: appena lo vedono lo inondano di spumante e corrono ad abbracciarlo. È stato il secondo della giornata per l’indirizzo di chimica, sorridente in volto festeggia con le braccia al cielo la fine del suo percorso.
''In questo momento mi sento addosso un mix di emozioni, è da una settimana che penso a questo esame e ora d’un tratto è finita- ci racconta Fabio- ero veramente agitatissimo, ma poi, una volta che mi sono trovato davanti alla commissione, tutta l’ansia che avevo accumulato nei giorni scorsi è volata via. I professori sono stati bravi e comprensivi, mi hanno dato la possibilità di parlare tanto e di raccontare anche le mie esperienze, mi sento veramente soddisfatto. Dovrò aspettare un po’ per sapere il mio voto, ma ora tutto quello che voglio fare è rilassarmi per poi festeggiare insieme a tutti miei amici''.


La festa per Fabio fuori dal Greppi

Gli studenti si alternano a un ritmo di un’ora alla volta per indirizzo, fuori amici e compagni aspettano in trepidante attesa di scoprire com’è andata. Giorgia e Lucia frequentano entrambe il liceo di scienze umane, amiche e compagne per cinque lunghi anni sono capitate lo stesso giorno a due ore di distanza.
''Stranamente non ero tesa, ieri sono andata a dormire prima del solito e mi sono addormentata senza problemi. Poi appena mi sono trovata davanti alla commissione è ricominciata l’agitazione. Mi hanno fatto una domanda di filosofia piuttosto complicata, era proprio quella che non volevo, ma fortunatamente me la sono cavata'' ci racconta Giorgia, intanto l’amica le chiede per l’ennesima volta come si sono comportati i professori, seduta accanto all’auto sta cercando di ripassare gli argomenti su cui è meno sicura.


Stefano dopo aver sostenuto l'esame

All’istituto Graziella Fumagalli si respira un clima più sereno, gli esami sono stati spostati alle scuole elementi causa lavori e fuori dalla sede i ragazzi si avvicendano speranzosi. Da una parte entrano gli alunni dell’indirizzo alberghiero e dall’altro quelli dei servizi socio sanitari, ad ogni ragazzo in uscita scoppia un applauso, spesso con tanto di festoni. Quando troviamo Stefano ha appena completato la maturità in enogastronomia ed ospitalità alberghiera con specializzazione in sala bar e se la ride perché in commissione gli hanno chiesto di parlare del McDonald’s.
''Go vissuto il mio esame tutto d’un fiato, da quando mi hanno dato la traccia dell’elaborato fino a questo momento, nel mio testo ho trattato la gradazione alcolica e gli effetti nocivi sulle persone- ci racconta- poi è intervenuta subito la mia professoressa di italiano che mi ha chiesto Montale, uno dei poeti più tosti ma per fortuna ho riconosciuto subito la poesia e sono partito come un treno. Ad un certo punto mi hanno messo davanti la foto di un McDonald’s, in un primo momento non sapevo proprio cosa dire, poi tempo da lì a 30 secondi e ho trovato tutti i collegamenti, mancavano giusto una o due materie che sono state integrate con delle domande. Sento l’adrenalina a mille, sono emozionato ma anche un po’ dispiaciuto che questa avventura sia finita, non so cosa farò l’anno prossimo forse lavorerò o continuerò a studiare, ora voglio solo godermi il momento''.


Federica, al centro con le amiche

La festa più grande è tutta per Federica che, accompagnata da mamma Mariada e papà Pasquale ha trovato il supporto di tanti amici. Ci sono molte compagne di classe, ma anche ragazzi del Viganò di Merate giunti a tastare il terreno anche per fare qualche confronto. Il loro turno sarà a fine settimana, per altri all’inizio della prossima, ma ci confidano che stanno già iniziando a sentire l’agita. Federica si è maturata in servizi sociosanitari e ci racconta tutto il suo percorso dall’elaborato su igiene e psicologia fino all’esame orale.
''Sono soddisfatta di come sia andata, ero la prima tra i miei amici e la cosa un po’ mi spaventava. Prima mi hanno fatto risolvere un grafico con una funziono, poi mi hanno mostrato un’immagine della marcia su Roma e mi hanno chiesto di collegare le varie materie. Ho impostato tutto il discorso sul fascismo, la discriminazione e sulle leggi razziali, sono davvero soddisfatta di come è andata. Ed ora… a festeggiare''.
Vediamo Federica allontanarsi dall’istituto, come lei altri lo hanno già fatto e lo faranno ancora, sono alunni di tanti indirizzi diversi eppure tutti accumunati da quel passo finale chiamato maturità. Molti lo vedono un traguardo, altri come l’inizio del viaggio, è la tappa a cui tutti siamo dovuti passare, forse l’anno scorso o addirittura tanti anni fa quando tutto era completamente diverso, c’erano scritti e tutt’altr regole. La maturità è quel concentrato di emozioni belle e brutte, un esame imprescindibile prima di gettarsi nella vita, quella vera.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco