Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 297.805.033
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 17 giugno 2021 alle 17:08

Dal ''Bachelet'' si congedano per la pensione otto insegnanti


I docenti del Bachelet prossimi alla pensione. Da destra Capra, Ravasi, Zottola, Spada, Mauri, Romanelli, Pascali, Fumagalli
(clicca sull'immagine per ingrandire)

"Vuole essere questo un momento di sincero ringraziamento perché la scuola, oltre che di competenza, professionalità e organizzazione, è fatta di passione, e voi lo avete dimostrato in questi anni. Ho avuto il piacere di accompagnarvi solo negli ultimi anni della vostra carriera scolastica ma so bene che ciascuno di voi ha costruito un pezzo di questo istituto" ha detto il dirigente scolastico Anna Panzeri questo pomeriggio, salutando gli otto docenti dell'istituto Bachelet che da settembre andranno in pensione, colmi di bei ricordi che li legano ad alunni e colleghi. Si tratta di Paola Capra, Tiziana Fumagalli, Maria Teresa Mauri, Concetta Pascali, Umbertina Ravasi, Lina Romanelli, Michéle Thérèse Spada e Amedeo Zottola.

Sentiti ed emozionati sono stati i ringraziamenti dei professori che, ricordando i momenti iniziali della carriera, si sono detti molto soddisfatti per il percorso.
"Questo mestiere è fatto di relazioni umane. Ed è proprio questo che rimane: gli alunni che, a distanza di anni, ti chiamano per raccontarti ciò che di bello hanno costruito" ha detto Michéle Spada, professoressa di francese.

Il dirigente scolastico Anna Panzeri

"Credo che nel mondo della scuola sia necessario un cambiamento: occorre rimettere realmente al centro le persone e la domanda di verità che queste portano dentro, che siano insegnanti, che siano studenti. Non possiamo ridurre la scuola ad una dépendance del mondo produttivo. Si vive di significati" ha poi aggiunto Amedeo Zottola di scienze motorie, augurandosi che ci sia qualcuno nel mondo della scuola che prenda in mano questa domanda di significato in un orizzonte che appare sempre negativo ridonandogli positività.

Ricordando i cambiamenti e le difficoltà che hanno interessato soprattutto l'ultimo periodo, i professori si augurano che le forze giovani che prenderanno il loro posto sappiano dare uno sguardo ed un approccio nuovo. "Il rapporto con gli alunni è sempre uno scambio reciproco: noi diamo esperienza e maturità e loro ci danno sguardo e prospettive giovani. Li ricorderò sempre con molto piacere" ha aggiunto Paola Capra, insegnante di scienze.

Al termine degli interventi i docenti hanno ringraziato la dirigente, i colleghi e tutto il personale scolastico con cui hanno condiviso questi anni.
Sa.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco