Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 293.934.497
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 15 luglio 2021 alle 14:52

Bulciago, Sicor: ancora incertezze sul futuro del sito. Da ottobre ''cassa'' per i lavoratori

Prosegue il periodo di attesa per gli oltre cento lavoratori impiegati nel sito bulciaghese di Sicor (ex Teva) che, dopo l'annuncio dell'azienda israeliana di voler chiudere le linee di produzione la scorsa primavera, stanno continuando a lavorare - per il momento - nella sede affacciata sulla strada provinciale 342.

Sicor aveva infatti annunciato che prima di chiudere lo stabilimento avrebbe portato a termine gli ordini già effettuati per adempiere ai propri contratti con i clienti e ha esteso l'ultimo periodo di lavoro per tutti i dipendenti alla fine del prossimo settembre.
Dopo il primo annuncio relativo alla manifestazione di interesse per l'acquisto del sito da parte di alcuni soggetti, nell'ultimo mese sembrano essersi fatte avanti ulteriori società industriali che vorrebbero approfondire la conoscenza del sito anche nelle prossime settimane. Notizie più certe potrebbero già essere disponibili entro la fine di questo mese, quando probabilmente questi soggetti confermeranno la propria posizione e decideranno di avviare o meno dei negoziati e degli scambi di informazioni più serrati.
Al momento sembra però che una delle realtà interessate abbia già compiuto un sopralluogo nello stabilimento di Bulciago per visitare il centro di produzione, il che può far sicuramente ben sperare i lavoratori che al momento hanno ben poche certezze.
Se l'acquisto ci sarà lo si potrà sapere solo fra qualche settimana, con i lavoratori lasciati attualmente in un limbo di attesa mista a speranza. A partire da ottobre fra l'altro, una novantina di loro dovrebbero cominciare a percepire la cassa integrazione.
L'altro fronte decisivo in questa delicata questione è invece quello che riguarda la bonifica dell'area, un argomento che sta molto a cuore alla cittadinanza, e che per il Comune di Bulciago rimane comunque un intervento imprescindibile da non mettere in discussione.

L'andamento dell'opera di ''sanificazione'' del sito è stato trasmesso in questi anni all'amministrazione comunale sotto forma di relazione che informava periodicamente sullo stato della bonifica, proseguita sino ad ora regolarmente e senza interruzioni, anche grazie al controllo del Comune e di tutta una serie di enti sovracomunali preposti, come Arpa e Ats.
La volontà del sindaco Luca Cattaneo, dell'assessore all'ambiente Tonino Filippone e dell'assessore al commercio e alle attività produttive Raffaella Puricelli è quindi non solo quella di monitorare sul prosieguo della bonifica ma anche di insistere sul recupero ambientale del sito in modo da evitare che l'eventuale futuro acquirente possa trasformare l'area in un "cimitero a cielo aperto", come ha ricordato lo stesso assessore Filippone.
M.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco