Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 283.918.620
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 19 luglio 2021 alle 08:15

Viganò: presentato il libro fotografico sulla storia del paese

È stato presentato ufficialmente davanti ad un numeroso pubblico il nuovo libro promosso dall'amministrazione comunale di Viganò e dedicato al paese e alla sua storia, raccontata attraverso immagini e foto.
Il volume, dal titolo: "Viganò - dove passano le nuvole più belle", è stato pensato proprio come un omaggio al paesaggio, ai monumenti e agli scorci del Comune che possa rimanere negli anni e che possa anche fungere da memoria scritta, conservata potenzialmente per sempre dai cittadini di oggi e da quelli futuri.

Da sinistra il consigliere Luca Rigamonti, il sindaco Fabio Bertarini, l'assessore Renato Ghezzi e il consigliere Armando Fettolini

Il libro era stato fortemente voluto dal consigliere e artista Armando Fettolini che, insieme anche all'assessore Renato Ghezzi, ha voluto rendere concreta l'idea di approfondire e di fissare con foto e scatti gli angoli più suggestivi e anche quelli meno noti di Viganò, così da diffonderne la conoscenza e celebrarne l'unicità.
Nell'incontro per la presentazione del libro, che si è tenuto nel pomeriggio di sabato 17 luglio in sala consiliare, l'assessore Ghezzi, che ha aperto la conferenza, ha poi spiegato come l'opera avrebbe dovuto essere presentata al pubblico nel Natale del 2020, cosa che non è stata possibile a causa dell'aggravarsi della situazione pandemica.

Giunti quindi nell'estate 2021, a distanza di un anno dalla stesura del testo, il contenuto appare già in qualche modo incompleto di alcuni dettagli e di opere che si sono aggiunte nel frattempo in questi mesi ma che allo stesso tempo rendono il progetto dinamico e probabilmente necessario di ulteriori revisioni, le quali l'amministrazione si ritiene "ben contenta di fare", stando alle parole del sindaco Fabio Bertarini. L'assessore Ghezzi ha inoltre sottolineato le origini più profonde del progetto, che trova le sue radici durante un'iniziativa legata all'anniversario dantesco di qualche anno fa, organizzata insieme al Consorzio Villa Greppi che aveva permesso di organizzare una visita guidata di Viganò, segnata tra l'altro da un discreto successo in termini di apprezzamento.

Da quel momento l'amministrazione ha iniziato ad interrogarsi sulle possibilità di ampliare la conoscenza del paese non solo come iniziativa una tantum ma con un metodo più istituzionalizzato con il quale celebrare e onorare le tante bellezze che si celano in tutto il paese. Grazie all'intuito artistico del consigliere Fettolini, l'idea del libro ha man mano preso vita e in compagnia del sindaco, del vicesindaco Stefano Cazzaniga e dell'assessore Ghezzi si sono organizzati dei giorni di setacciamento a tappeto di tutti i luoghi del paese che potessero meritare almeno una foto o due righe da immortalare in un libro che, per sua natura, sarebbe poi stato destinato a diventare praticamente immortale. Dai cortili di Viganò inferiore fino agli scorci di Viganò superiore, il gruppo ha quindi ripercorso tutte le strade e le vie del paese riscoprendo la bellezza e l'originalità di luoghi come i manufatti in pietra molera, la cava di pietra, i pozzi nelle corti e il monte con la croce.

Il sindaco Bertarini e l'assessore Ghezzi

"Dopo aver iniziato questo viaggio all'interno del nostro paese, ci è parso utile inserire anche il patrimonio artistico, come ad esempio i quadri presenti in Comune, frutto delle tante iniziative organizzare dal Gruppo Cultura, che ha aumentato il valore di questa ricchezza" ha aggiunto l'assessore Ghezzi nel corso della conferenza. ''Nel corso dei mesi a queste opere si sono aggiunte la Casa dei Viganesi e il monumento dei Bambini di Inciampo, inaugurato giusto qualche settimane fa. Il libro è quindi il frutto di un lavoro di squadra per la memoria futura e costituisce anche un biglietto di visita del nostro paese dove, effettivamente, passano davvero le nuvole più belle".

Armando Fettolini

L'amministrazione è stata poi ringraziata direttamente dal consigliere Fettolini, che non ha nascosto la propria emozione nel sapere che tutte le famiglie viganesi entreranno in possesso di questa piccola ma grande opera d'arte. È stato poi lo stesso consigliere nel suo intervento a riconoscere non solo l'importanza del volume per percepire in modo più approfondito il paese ma anche la necessità e la volontà di aggiornarlo con tutte le cose nuove che sorgeranno a Viganò nel presente e nel futuro.

Il vicesindaco Stefano Cazzaniga

Anche il vicesindaco Cazzaniga ha voluto mettere l'accento sul tema del cambiamento e, in particolare, su quello molto intenso sperimentato dalle nostre società negli ultimi 50 e 60 anni. Il libro, secondo Cazzaniga, è infatti un modo per fotografare letteralmente i segni del tempo e avere consapevolezza del passaggio tra epoche diverse perché anche se probabilmente non cambierebbe nulla se ci si dimenticasse del proprio passato è d'altra parte vero che ci sono più possibilità che a ricordare ciò che è stato si possa creare qualcosa di bello.

Da sinistra i consiglieri Roberto Meroni e Stefania Rovelli

L'ultimo a prendere la parola è stato il sindaco Bertarini che ha augurato al pubblico presente e a tutta la cittadinanza di poter trovare il libro almeno tanto utile quanto lo è stato per lui al fine di conoscere meglio il proprio paese e poterne apprezzare anche i lati più nascosti. Il primo cittadino ha tenuto anche a ribadire che tutte le copie che verranno consegnate alle famiglie di Viganò sono state firmate a mano una ad una così da rendere ciascun libro davvero unico, e ha inoltre aggiunto che la scelta dello scritto anziché del digitale risiede nella volontà di donare qualcosa che possa mantenersi integro e completo nel tempo, conservando l'opportunità di fruibilità anche per le generazioni future.

Il testo è stato quindi fornito ai presenti alla conferenza e sarà poi dato ai cittadini nei prossimi giorni, che potranno ritirarlo anche accedendo gli uffici comunali, ma la distribuzione del testo è continuata in serata presso il parco Il Gelso, dove i festeggiamenti sono continuati grazie al supporto del Gruppo Alpini.
M.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco