Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 293.936.084
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 25 luglio 2021 alle 09:56

Oggiono: con i Lions lo spettacolo 'Smile', fondi per l'oratorio

Dopo l'ultimo evento del Lions Club Castello Brianza Laghi, tenutosi il 20 settembre 2020, giovedì sera Piazza Alta a Oggiono si è di nuovo animata con lo spettacolo "Smile", organizzato con il contributo di BCC, con il patrocinio della Città di Oggiono e la collaborazione della Comunità Pastorale San Giovanni Battista. Lo spettacolo, la cui regia è stata guidata dall'ex assessore alla cultura Elena Ornaghi, ha coinvolto i musicisti Margherita e Carlo Santomassimo, Elena Mapelli, Francesco Manzoni e le allieve della scuola di teatro Stendhart Ilenia Piantedosi e Silvana Silveri.


Il sindaco Chiara Narciso

"Purtroppo ci hanno tolto il sorriso da troppo tempo con le nuove ondate di pandemia, ma è bello pensare di poter tornare a sorridere alla vita. L'anno scorso abbiamo dedicato il nostro spettacolo alla popolazione perché pensavamo fosse finito il buio della prima ondata, questa volta invece abbiamo deciso di raccogliere fondi per le attività dell'oratorio, in modo da ridare speranza ai nostri giovani e giovanissimi dopo questo periodo difficile" ha detto il presidente del Lions Club Emilio Panzeri. Il sindaco Chiara Narciso ha ringraziato il sodalizio per aver organizzato un bell'evento, nonostante non sia facile di questi tempi: "Sono proprio occasioni come questa che ci permettono di avere una città viva culturalmente. Sicuramente dobbiamo un grazie ai Lions anche per aver scelto questo nostro luogo così suggestivo, nonostante le difficoltà strutturali che presenta, e per la bella idea dell'ottimismo che lo spettacolo vuole trasmettere: è molto importante guardare avanti e ricominciare a sorridere".



Sulle note di alcuni temi dal film "Il monello" di Charlie Chaplin, di cui diverse scene sono state interpretate dalle giovani allieve di Stendhart, i musicisti hanno accompagnato il pubblico a ritrovare il sorriso, senza dimenticare l'importanza di una tematica che stava a cuore anche al grande attore e regista inglese: la comunicazione con i non udenti e i non vedenti. "Smile" è il titolo del nostro spettacolo e lo abbiamo scritto anche in Braille per richiamare questo capitolo della vita di Chaplin, quando conobbe Anne Sullivan ed entrò in contatto con diverse persone della comunità dei sordi. Le attrici stasera hanno reinterpretato anche una scena tratta da "Anna dei miracoli", perché l'incontro tra questa istitutrice e la ragazzina sordocieca Helen Keller aprì uno spiraglio significativo per la vita di questa giovane: proprio come quando la lingua dei segni ha permesso a tutti i sordi di comunicare e uscire da un eterno lock down. È quello che vogliamo fare anche stasera con le offerte per i ragazzi dell'oratorio: contribuire a ridare loro fiducia e occasioni di socialità. Un sentito grazie al Comune, alla BCC, ai volontari dell'oratorio, alla Comunità Pastorale e agli artisti per questa bella serata" ha concluso il presidente del Lions Club.



Al termine dell'evento ha preso la parola don Maurizio Mottadelli, per sottolineare che i sentimenti sono importanti da coltivare nonostante il periodo buio in cui si trova e augurare a tutti di sorridere alla vita come auspicato dallo spettacolo. "Voglio però darvi anche una notizia in anteprima: i Lions ci hanno aiutato anni fa col restauro di Sant'Agata; ora finiremo anche l'ala principale della chiesina e siccome quest'anno ricorre il 75esimo anniversario della posa della croce in Piazza Alta, vogliamo festeggiare entrambe le occasioni in grande. Infatti l'arcivescovo ci ha appena detto che verrà il 6 settembre a celebrare la messa in Piazza Alta, prima di scendere tutti insieme a riaprire al pubblico la chiesa di Sant'Agata: non potevamo sperare in una celebrazione più gioiosa" ha aggiunto il parroco.
R.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco