Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 293.275.222
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 03 agosto 2021 alle 14:56

Da Missaglia a Casatenovo, passando per Bevera: ladri scatenati. Visitati ristoranti, negozi di frutta e di abbigliamento

Tre furti - due riusciti e uno tentato - ai danni del negozio Fruttamica di Missaglia. E' accaduto in poco più di una settimana soltanto, quando l'esercizio commerciale che si affaccia sulla SP54, è stato ''visitato'' nelle ore serali e notturne da un ignoto malvivente che, dopo aver forzato la porta d'ingresso, ha raggiunto il vicino registratore di cassa, svuotandolo.
Questo è il copione seguito nei primi due episodi, mentre il terzo tentativo di effrazione non è andato a segno poichè l'accesso era stato nel frattempo potenziato dai gestori, rendendo impossibile per l'ignoto ladro, riuscire a varcare la porta del negozio di frutta e verdura, aperto sette anni fa nella palazzina commerciale ''ex Villa'' di Corso Europa che ospita anche altre attività.

Al centro le vetrine di Fruttamica nell'area commerciale di Corso Europa a Missaglia

''L'ultimo episodio si è verificato tra giovedì e venerdì della scorsa settimana. Noi ci siamo accorte la mattina notando dei segni sulla porta d'ingresso, ma il furto non è riuscito. Nelle precedenti occasioni invece, era suonato l'allarme quindi il nostro intervento era stato immediato'' ci hanno spiegato le titolari, aggiungendo che il bottino complessivo racimolato grazie al colpo è stato modesto: un centinaio di euro circa e ipotizzando che l'autore abbia raggiunto l'esercizio attraverso un passaggio laterale, più defilato rispetto alla trafficata strada provinciale.
La doppia incursione e il tentativo fallito hanno comunque destato non poco sconcerto, trattandosi dei primi episodi di furto che si registrano ai danni dell'esercizio commerciale missagliese, peraltro non il solo a finire nella rete del (probabile) bandito solitario.

Il ristorante Hoshi di Via De Gasperi a Casatenovo

Nei precedenti giorni era toccato anche al confinante locale TJB con un modus operandi analogo, mentre nella notte tra giovedì e venerdì della scorsa settimana è stato preso di mira il ristorante giapponese Hoshi situato in Via De Gasperi a Casatenovo. I titolari si sono accorti dell'accaduto soltanto alla riapertura, nelle prime ore del pomeriggio e a quel punto hanno allertato i carabinieri. Infranta una vetrata per crearsi un varco, gli autori (o l'autore del gesto) ha raggiunto il registratore di cassa, prelevando anche in quel caso il denaro contante in esso contenuto. Una cifra che parrebbe non superare qualche centinaia di euro.

Lo Sport Specialist a Bevera di Sirtori

Ladri scappati a mani vuote anche dallo Sport Specialist di Bevera di Sirtori, con un'incursione avvenuta all'inizio della scorsa settimana, quando due individui, dopo aver forzato la porta d'ingresso del negozio, erano riusciti a raggiungere le cassa per poi dileguarsi al suono dell'allarme senza rubare nulla.
Ben più cospicuo era stato il bottino racimolato a seguito dei tre furti, avvenuti a cadenza ravvicinata, ai danni dello Zoo Mini Market di Casatenovo ospitato presso il centro commerciale 93 sul finire del mese di giugno. Anche in quel caso nel mirino del ladro - immortalato in maniera piuttosto nitida dal sistema di videosorveglianza del negozio di animali - era finito il registratore di cassa, sistematicamente svuotato.

Il Centro Dolce di Via Mameli a Casatenovo

Una sequenza di colpi ai danni del territorio casatese fra i quali spicca anche l'incursione ai danni del Centro Dolce di Via Mameli lo scorso 5 luglio. Tentativo che però non era andato a buon fine, con la banda che dopo aver forzato la porta di ingresso dell'esercizio commerciale aveva dovuto battere in ritirata, a mani vuote.
Impossibile al momento stabilire se dietro questi numerosi episodi vi sia la stessa mano o autori differenti. A decretarlo saranno le indagini dei carabinieri, già naturalmente notiziati rispetto a ciascuno degli episodi citati.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco