Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 292.410.176
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 04 agosto 2021 alle 08:18

Garbagnate: Angelica Stefanoni e Mattia Pontiggia campioni italiani di ballo liscio

Campioni italiani di ballo liscio nelle tre gare previste: ballo liscio unificato, ballo da sala e combinata. A fare incetta di medaglie sono stati due giovani: la categoria della competizione era infatti destinata a ragazzi tra i 12 e i 15 anni.

Mattia e Angelica

La coppia formata da Mattia Pontiggia, 13 anni di Caslino d'Erba e Angelica Stefanoni, 11 anni di Garbagnate Monastero ha conquistato la giuria dei campionati italiani di danza andati in scena alla fiera di Rimini per due settimane di fila nel mese di luglio. Diverse le discipline oggetto della competizione tra le quali c'erano appunto, nel padiglione azzurro, quelle del ballo liscio e da sala: negli spazi si si poteva accedere unicamente grazie a un voucher messo a disposizione dalla Federazione Italiana Danza Sportiva (FIDS) ai soli iscritti alla Federazione stessa. Nonostante le restrizioni, gli atleti sono stati accompagnati, oltre che dagli insegnanti albesini Marco Nava e Luisa Lanfranconi, anche da un gruppo numeroso di sostenitori che hanno seguito le loro performance da vicino.

"Angelica ha cominciato a ballare con noi nel giugno 2020, mentre il ragazzo balla da quando abbiamo avviato i corsi nel 2018. Lei ha dovuto correre un po' per raggiungere lui che era più avanti" spiega Luisa Lanfranconi che, insieme al compagno Marco Nava, è titolare della scuola Oro Dance di Albese con Cassano. Mattia era già stato campione italiano: nel 2019 aveva vinto, in classe C, due ori e un bronzo con un'altra ballerina. Lo scorso anno c'è stato lo stop delle gare a causa del Covid ma quest'anno Marco si è ripresentato all'appuntamento, nella classe B2, insieme ad Angelica al termine di un anno di faticosa preparazione.

"Angelica è arrivata da noi perché organizziamo corsi di balli di gruppo nella palestra di Garbagnate - precisa Luisa - Lei veniva con la mamma a guardare. Una sera, siccome avevamo il ballerino senza la compagna, le abbiamo chiesto se voleva ballare. Lei ha provato ed è stato amore a prima vista. A giugno è arrivata dicendo che voleva ballare con Mattia. Hanno lavorato seriamente da subito. Prepararsi per queste competizioni significa fare allenamenti tutte le settimane: deve esserci costanza. Lei si è dimostrata tenace perché a volte faticoso".

Alla fine i risultati sono arrivati: la coppia ha conquistato tre medaglie d'oro nelle specialità di liscio unificato (Mazurca, Valzere Viennese e Polca), ballo da sala (Valzere Lento, Tango e Fox-Trot) e combinata. "C'è tutta la nostra soddisfazione come insegnanti ma anche dei genitori che fanno la loro parte di sacrificio. Da parte delle famiglie c'è stata grande attenzione dopo che i ragazzi si sono appassionati al ballo". Solitamente sono i genitori a trascinare i figli nelle passioni sportive, ma in questo caso è accaduto l'opposto. Entrambi i ragazzi hanno coinvolto i genitori che si dilettano nel ballo durante il tempo libero.

Quanto alla danza in termini agonistici l'insegnante dei ragazzi spiega: "Questo è uno sport a tutti gli effetti. Viene inteso spesso come divertimento e non come una disciplina sportiva. Liscio e ballo da sala sono danze tipiche italiane e sono associate agli anziani: tanti hanno in effetti cominciato dopo la pensione, però è uno sport a tutti gli effetti che, praticato da ragazzi giovani a livello agonistico, richiede grande impegno. E' faticoso e dispendioso dal punto di vista fisico. In sottofondo c'è sempre la musica che aiuta a sentire meno la fatica. Si tratta di una disciplina sportiva particolare perché include anche la sfera estetica: i ballerini, oltre che dal punto di vista atletico, si preparano con abiti particolari, curano l'acconciatura e devono tenere sempre una postura fiera. È una disciplina che comprende diverse caratteristiche, tra cui il portamento e l'eleganza. Anche questi elementi aiutano a far piacere o meno una coppia. Angelica e Mattia sono davvero una bella coppia: sono adatti uno all'altro".
I ragazzi si sottopongono a tre allenamenti a settimane e quasi ogni domenica partecipano a gare o stage in giro per la Lombardia e il Piemonte.

Angelica, felicissima per questo risultato, ritiene sia stato "molto emozionante battere in gara le coppie avversarie", mentre papà Alessandro si è detto ancora incredulo e molto soddisfatto.
Mattia, che l'anno prossimo comincerà la terza media, è invece ballerino da tre anni, arrivato alla scuola di danza dopo aver ricevuto un volantino in cui si invitata alla prova. "Mi piace tutto perché, quando ballo, evado dalla realtà. Sono contento del risultato che però mi aspettavo: abbiamo lavorato tanto e tutto l'anno. Io sono felice ma lo sono anche i miei genitori".

Per la cronaca, la scuola di ballo Oro Dance ha schierato un'altra coppia di ballerini che ha portato a casa tutti gli ori in palio nelle gare in cui si è cimentata. Si tratta di Gianfranco Arrigoni di Albese con Cassano che ha ballato con Rosaria Arienti di Como (Lora) nella categoria 61-64 classe C nelle medesime specialità dei due giovani ballerini: anche per loro sono arrivate tre medaglie d'oro. Grazie a queste vittorie gli atleti lariani saranno promossi e l'anno prossimo gareggeranno nella classe superiore: Mattia e Angelica passeranno in B1; Gianfranco e Rosaria in B2.
Michela Mauri
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco