Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 311.036.971
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 14 agosto 2021 alle 18:16

Oggiono: 93° edizione per il piccolo Giro di Lombardia

Domenica 3 ottobre 2021 il Piccolo Giro di Lombardia, una classica del ciclismo internazionale per la categoria Under 23 in programma ad Oggiono, celebrerà la sua novantatreesima edizione. 
Una storia lunga 93 anni, fedele alla tradizione, ma continuamente votata al futuro con lo scopo di lanciare giovani campioni verso il mondo del professionismo. L'esempio più recente è quello del vincitore dell'edizione 2019, il valtellinese Andrea Bagioli, che, passato lo scorso anno come professionista con la Deceuninck - Quick-Step, ha saputo già impressionare tutti con vittorie e prestazioni importanti anche tra i grandi.
L'edizione 2020 ha regalato, per la prima volta nella storia della corsa, un podio tutto straniero, a conferma della crescita internazionale della competizione. A vincere è stato infatti l'australiano Harrison Sweeny, ma l'intero podio è andato a ciclisti stranieri. Al secondo posto si è classificato il danese Jacob Hindsgaul Madsen e al terzo l'eritreo Yakob Debesay. Addirittura rappresentati sul podio tre diversi continenti.
Riprendiamo la storia. La prima edizione del Piccolo Giro di Lombardia risale al 1911: è un'epoca di fermento e grandi cambiamenti in Italia e nel mondo. Per intenderci è l'anno in cui si celebrano i 50 anni dell'unità d'Italia, viene eletto il quarto governo Giolitti, l'Italia entra in guerra contro la Libia e scoppia la guerra Italo-Turca, viene istituita in Europa la Festa della Donna, c'è il varo del Titanic, Guglielmo Marconi telegrafa per la prima volta un messaggio dall'Italia all'America, Carlo Galetti vince il Giro d'Italia a Roma e la Pro Vercelli conquista il suo terzo scudetto nel campionato italiano di calcio.
Tutto un altro mondo, un'altra epoca, tempi lontani, lontanissimi, ma la passione per il ciclismo e la voglia di migliorarsi sempre sono rimaste intatte negli anni contribuendo a rendere sempre più importante questo evento. Nei decenni si sono susseguite diverse organizzazioni che hanno contribuito a scrivere la storia di questa manifestazione.
La storia recente, invece, comincia dal 2010 con la nuova era targata Velo Club Oggiono, un'organizzazione dinamica, con a capo il presidente Daniele Fumagalli e numerosi collaboratori che in poco più di dieci anni hanno fatto assumere ancora più prestigio al circuito Lombardia baby. La partenza e l'arrivo saranno a Oggiono, in provincia di Lecco, con alcuni tratti che ripercorrono la corsa dei professionisti. La storia del Piccolo giro continua quindi ancora oggi con la sua tradizione, l'immutato fascino e un tocco di costante innovazione. La classica per i giovani che è trampolino di lancio ideale per entrare nel mondo dei grandi. Sarà così anche il prossimo 3 ottobre, per l'edizione numero 93 del Piccolo Giro di Lombardia, quando i migliori giovani talenti del ciclismo mondiale proveranno a scrivere il proprio nome nel prestigioso albo d'oro della corsa, dove figurano, tra gli altri - solo per citare alcuni dei vincitori degli anni più recenti - Robert Stannard, Aleksandr Riabushenko, Gianni Moscon, Fausto Masnada, Davide Villella, Jan Polanc, Stefano Garzelli, Maurizio Fondriest e Moreno Argentin.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco