Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 327.017.469
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 20 agosto 2021 alle 08:42

Accadeva 30 anni fa/72,giugno: Garrisi lascia per la pensione. La Fratelli Beretta sponsor di Torino calcio di Emiliano Mondonico

Il piano del Parco del Curone sta muovendo i primi passi ma già si scontra con l’ostilità degli agricoltori. Corrado Toscani leader dei Confcoltivatori riunisce gli iscritti a Villa Cioja di Missaglia e tuona contro la proposta redatta dal presidente del Parco Eugenio Mascheroni. Agricoltura non vuol dire solo coltivare la terra, dice. Ma anche allevare, tagliare i boschi, gestire agriturismi, sviluppare attività florovivaistiche che necessitano di serre, costruzioni. Insomma il piano adottato il 1° marzo dal direttivo del Parco proprio non va. Ma anche le norme regionali tendono a ridurre l’autonomia dei consorzi. E anche da Mascheroni, quindi, si levano voci critiche verso la regione. Che in qualche caso camminano di pari passo a quelle di Confcoltivatori.


Corrado Toscani



Il Lion’s club Brianza presieduto dall’imprenditore Marco Agrati presenta nel corso di una convivio cui partecipano diversi militari tra i quali il tenente colonnello Nazareno Montanti comandante del provinciale di Como l’iniziativa “Services fondo Lions per l’Arma” che si propone di assegnare borse di studio e contributi di solidarietà a figli e famiglie di carabinieri deceduti in servizio. La cerimonia si svolge come da tradizione nel noto ristorante di Viganò ma già il Presidente annuncia una prossima iniziativa, il 16 giugno, “In festa con i nostri carabinieri”. “Ho un grosso debito di riconoscenza” spiega Marco Agrati, nome balzato alle cronache all’epoca dei rapimenti. “L’iniziativa del club non solo mi trova entusiasta ma la ritengo come la prima di una serie”.



Il tenente colonnello Nazareno Montanti

Il maresciallo  Luigi Notaro, il maresciallo Francesco De Maio, il brigadiere Cosimo Fersini e il maresciallo Antonio Giosonni

 





 

Ancora il Comandante Montanti a margine del Consiglio comunale di Merate sul progetto di realizzare un Comando di Compagnia: “La struttura della Compagnia di Merate sarà il nostro fiore all’occhiello. Non ho mai visto un progetto migliore capace di racchiudere contemporaneamente funzionalità e operatività”. Ma in Giunta municipale le cose non scorrono lisce: c’è forte contrasto tra gli assessori con Battista Albani, lavori pubblici e Raffaele De Sario, bilancio convinti che l’opera dovrà essere realizzata da capitali privati cui poi spetterebbe incassare l’affitto. Il Comune, tutt’al più potrebbe mettere a disposizione il terreno. Il sindaco Gallina a sua volta presenta una bozza di convenzione che prevede siano alcuni professionisti meratesi a costruire il Comando a fronte poi di un affitto dal Ministero di 250 milioni l’anno. Albani però avverte: se l’affitto dovrà essere integrato concorreranno anche tutti gli altri comuni che rientrano nel perimetro della Compagnia. In particolare quelli del casatese che resistono a sedersi attorno ad un tavolo per discutere con i meratesi di servizi sovracomunali, come quello dei vigili del fuoco.


Battista Albani e Raffaele De Sario


Il plastico della nuova caserma dei Carabinieri

Con altri 20 milioni raccolti l’ipotesi di realizzare il centro sociale La Colombina di Casatenovo si fa sempre più concreta. Tutto il quartiere è mobilitato organizzando feste, sottoscrizioni a premi e così via.


Un momento dell'estrazione dei biglietti vincenti della sottoscrizione a premi organizzata a conclusione
dell'annuale festa del rione Colombina di Casatenovo

La comunità di Montesiro ha accolto il nuovo parroco don Piergiorgio Fumagalli. Avrà il compito di sostituire don Enrico Gobbi scomparso qualche mese prima all’età di 67 anni, 26 dei quali trascorsi in questa parrocchia.



Nell’ambito dei festeggiamenti per il settimo anniversario di fondazione gli alpini di Monticello inaugurano  la nuova Baita. Tradizionale la cerimonia: sfilata delle penne nere, S. Messa, deposizione di una corona da parte del sen. Cesare Golfari e taglio del nastro. A seguire pranzo per 160 persone con al lavoro otto cuochi.

La Fratelli beretta Spa è il nuovo sponsor del Torino guidato da Emiliano Mondonico che milita in serie A. Al vernissage di presentazione oltre ai titolari della notissima azienda di Barzanò, anche il presidente del Torino calcio Gian Mauro Borsano, il direttore generale Luciano Moggi e l’allenatore Mondonico.



Il ragionier Vittore Beretta alla conferenza stampa.


Sopra, Vittore Beretta mostra la maglia del Torino con il nuovo marchio. Sotto, il tavolo dei relatori della conferenza stampa



La settima edizione del palio Casatese è vinta dalla frazione di Rogoredo il cui capo contrada è Armando Colombo. Le prime tre edizioni erano state vinte dalla Torre, le successive due dal Rondo’ e la settima ancora dalla Torre.

Dopo 21 anni trascorsi a Casatenovo il maresciallo comandante della polizia locale Carlo Garrisi va in pensione. Decorrenza 1° luglio. In una lunga intervista Garrisi ripercorre le tappe della sua carriera e ricorda le tante iniziative varate a Casatenovo, soprattutto i corsi di aggiornamento per tutto il territorio lecchese e le iniziative di educazione stradale dedicate ai ragazzi. Fare il vigile urbano non significa impugnare la paletta tutto il giorno, anzi tantissimi sono i compiti affidati agli agenti che nulla hanno a che vedere con il codice della strada. E poi, lamenta il Comandante, in quasi tutti i comuni siamo sotto organico. A Casatenovo ci sono sei agenti, la pianta organica ne prevede otto ma ne servirebbero almeno dodici per svolgere bene tutti i servizi.


Il maresciallo Carlo Garrisi

Il primo passo verso la distruzione della sanità pubblica e del controllo locale sull’operato dei manager si compie con l’approvazione della Legge 111 del ministro De Lorenzo. Ussl commissariate e nomina di ben 650 manager da parte della regione. Inizia la fase di accentramento dei poteri che tanti danno provocherà negli anni a venire. La prima voce che si leva critica di questa riforma è quella del consigliere regionale Dc Giliola Sironi, esperta di questioni sanitarie. “Non ho condiviso la legge De Lorenzo perché il ministro ha indotto nella gente la falsa speranza che con il commissariamento delle Ussl la sanità avrebbe ripreso a funzionare magnificamente”. A Merate arriva il dottor Vannucci.


Giliola Sironi


72/continua
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco