Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 298.772.500
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 07 settembre 2021 alle 17:47

Missaglia: si è spento a 68 anni Silvano Riva. Scrisse il libro sul Nobel Moneta

Il Nobel Rita Levi Montalcini con Silvano Riva nel 1997
Il suo nome era legato a doppio filo a quello di un premio Nobel per la pace (l'unico italiano che ne fu insignito fra l'altro) che visse e morì a Missaglia, dove ha trovato anche sepoltura: Ernesto Teodoro Moneta.
Si è spento a 68 anni Silvano Riva, appassionato di storia locale con residenza in località Contra. Fu lui, insieme a Domenico Flavio Ronzoni, a dare alle stampe nel 1997 il libro dedicato al giornalista e patriota italiano, già direttore de ''Il Secolo''. Un vero e proprio simbolo per il comune missagliese che ancora oggi viene conferito come dono in occasione di visite e appuntamenti istituzionali.
Un volume ristampato dieci anni più tardi, quando al Monastero si tennero i festeggiamenti - voluti dall'amministrazione del sindaco Rosagnese Casiraghi - in occasione del centenario del conferimento del Nobel a Moneta.
Riva - laureato in lettere e dirigente d'azienda - era un grande conoscitore della storia locale e un appassionato studioso della vita del celebre pacifista meneghino, missagliese d'adozione.
Legato da un'amicizia con Pietro Redaelli - fotografo con attività in paese nonchè presidente degli Amici del Monastero, scomparso qualche anno fa - era stato proprio quest'ultimo a raccontarci come insieme a Riva e ad altri, si era avvicinato alla figura di Moneta che a Missaglia visse fra Cascina Tegnoso e la villa di Via Agazzino.
Nel corso di un consiglio comunale del 1991, aperto al pubblico, Redaelli e il gruppo presentarono una petizione per ricordare il Nobel in un momento così drammatico per le sorti mondiali. La visita di Mikhail Gorbaciov a Missaglia, datata settembre 1993, fu l'occasione per creare una sorta di parallelismo tra le due figure, entrambe premiate con il medesimo e prestigioso riconoscimento. Negli anni successivi avvenne la riscoperta ed il recupero della corrispondenza epistolare tra Moneta ed alcuni scrittori e combattenti del tempo, come Ada Negri, Cesare Cantù, Giuseppe Garibaldi ed il generale Giuseppe Sirtori, che sarà tra l'altro oggetto della mostra ospitata al Monastero.

Silvano Riva nel 2007 a Villa Nobel di Sanremo in occasione di un evento su Teodoro Moneta

Nel 1997 la realizzazione del libro sul celebre giornalista ad opera appunto di Silvano Riva e Domenico Flavio Ronzoni, permise alla delegazione missagliese di presentarlo ufficialmente a Palazzo Marino di Milano alla presenza di un altro illustre premio Nobel, Rita Levi Montalcini, ospitata successivamente proprio a Missaglia. Gremito in quest'occasione il salone polivalente dell'oratorio, che fece da cornice all'evento, supportato dall'allora amministrazione comunale del sindaco Luciano Mottadelli.
L'ultimo saluto al 68enne, che lascia la moglie e le figlie, è in programma domani mattina alle ore 10 con i funerali celebrati nella basilica di San Vittore.
Cordoglio è stato espresso anche dell'attuale primo cittadino Bruno Crippa, che ne ha sottolineato lo spessore culturale e la grande apertura verso la comunità.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco