Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 298.768.459
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 08 settembre 2021 alle 16:46

Barzanò, piscina: la gestione prorogata a dicembre 2023


Nuova (lunga) proroga dell'efficacia della convenzione con la società che si occupa della gestione del centro natatorio di Barzanò, rimasto chiuso per molti mesi a causa della situazione pandemica.
Lo ha stabilito, attraverso una deliberazione di giunta, l'amministrazione comunale del sindaco Giancarlo Aldeghi, recependo la recente disposizione legislativa che riguarda le ''misure urgenti connesse all'emergenza da Covid-19''.
A febbraio, in virtù della chiusura imposta dai dpcm, i sei comuni allora titolari della piscina situata in località Villanova avevano deciso di prorogare l'affidamento a Effetto Sport sino alla conclusione dell'estate - o meglio sino al 31 agosto - per garantire, al momento della riapertura, la continuità del servizio erogato all'utenza. Il contratto risultava infatti in scadenza.
Nei giorni scorsi Barzanò, insieme a Missaglia e Monticello - rimasti come noto gli unici proprietari dell'impianto - hanno preso atto delle nuove disposizioni di legge, concedendo la gestione della struttura sportiva alla società con sede a Lesmo per un periodo piuttosto lungo, ovvero dal 1 settembre 2021 sino al 31 dicembre 2023. Il tutto alle medesime condizioni economiche e contrattuali previste nella convenzione sottoscritta il 19 luglio 2019 con Effetto Sport.
Definito anche questo importante aspetto, l'auspicio è che i prossimi mesi possano essere positivi per la piscina, con l'impianto in grado di portare avanti l'attività a pieno regime, anche per recuperare questo anno e mezzo davvero terribile. Ora l'impianto è ufficialmente nelle mani dei tre comuni sopra citati; le altre amministrazioni (Casatenovo, Cremella e Sirtori), ritenendolo non più strategico, hanno deciso di rompere la convenzione, investendo le risorse ricavate dalla vendita in altri servizi analoghi all'interno dei propri territori.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco