Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 327.322.040
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 09 settembre 2021 alle 18:29

Casatenovo: per il ''crac'' del Novecento due le assoluzioni

Immagine di repertorio
L'impianto accusatorio non ha retto e il processo si è chiuso con due assoluzioni. Perché il fatto non sussiste. E' quanto ha stabilito nel tardo pomeriggio odierno il collegio giudicante del Tribunale di Lecco (presidente Enrico Manzi, a latere Giulia Barazzetta e Martina Beggio) chiamato a esprimersi circa le posizioni di Concetta Lucignano e Germano Perego, sconosciuta casalinga laziale la prima, noto fiscalista in attività sul territorio il secondo, non nuovo alle aule giudiziarie, con alterne fortune quanto a esito dei procedimenti intentati nei suoi confronti.
Concorso in Bancarotta distrattiva e Mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice, questa volta, le accuse formulate a carico del professionista, assistito dall'avvocato milanese Roberto Zingari riuscito a smontare il castello accusatorio costruito partendo dagli accertamenti condotti dalla Guardia di Finanza e dalle successive considerazioni espresse dal curatore fallimentare. Sotto i riflettori il crac della Novecento Fabbrica della birra di Lucignano Concetta, società unipersonale dichiara fallita nel dicembre 2015 dopo aver gestito per una breve parentesi un locale a Casatenovo.
Nel corso dell'istruttoria si è cercato, nello specifico, di fare luce sulle vicissitudini che hanno portato Perego - a giudizio quale supposto amministratore di fatto dell'impresa - a intestare l'attività alla donna - residente a Viterbo e per sua stessa ammissione mai entrata nei locali di Casatenovo - nonché ad accollare alla Novecento i debiti del precedente gestore optando infine per trattare con altro soggetto per la cessione della birreria, con tanto di cambiali andate, parrebbe, perdute a seguito di un furto. Una vicenda intrigata, sbrogliata dal difensore di Perego anche attraverso la produzione di una copiosa documentazione. Al momento di rassegnare le conclusioni, anche la Procura, nella persona del sostituto Paolo Del Grosso, ha chiesto l'assoluzione dei due imputati (con la Lucignano difesa d'ufficio dall'avvocato Stefano Didonna). E assoluzione effettivamente è stata.
A.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco