Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 292.410.807
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 13 settembre 2021 alle 09:32

Valaperta è in lutto per Francesca Sala, nel 2017 'premiata' per le cure al figlio disabile

Si svolgeranno questa mattina alle ore 10 nella chiesa di San Carlo a Valaperta le esequie funebri di Francesca Sala, venuta improvvisamente a mancare a 83 anni. Nel luglio 2017 la donna, insieme al marito Giuseppe Crippa, era stata insignita di un riconoscimento da parte del sindaco Filippo Galbiati e dell'intero consiglio comunale casatese per le amorevoli cure prestate al figlio Agostino.

Il sindaco Galbiati premia nel 2017 i coniugi Francesca e Giuseppe Crippa

Disabile dalla nascita, l'uomo - che oggi ha 54 anni - si trova in gravi condizioni fisiche e cognitive e da subito ha richiesto ai suoi genitori, continue cure e dedizione.
''Con lui c'è sempre da fare: siamo impegnati 24 ore su 24. Ormai capiamo i suoi bisogni, basta un suo gesto e sappiamo cosa gli serve'' ci aveva detto, accogliendoci nella sua abitazione di Valaperta, mamma Francesca che ha dedicato alla sfera domestica tutta la sua vita, dovendo poi crescere altri due figli, Angela e Nando, e prendersi cura della casa. Il marito Giuseppe invece, ha lavorato all'Amsa di Milano come operatore ecologico e dopo la pensione ha iniziato ad affiancare la moglie nella quotidiana assistenza al figlio disabile.
I due infatti, facevano a turno per riposarsi, per svolgere le quotidiane commissioni o per far fare al figlio un giretto per le strade della frazione. Di pause se ne sono sempre concesse ben poche, e di particolari aiuti - ad eccezione degli altri due figli e dei parenti più stretti - non ne hanno mai chiesti.

Al centro il figlio Agostino

Nella cerimonia svoltasi quattro anni fa in municipio, Galbiati aveva consegnato un mazzo di fiori e una pergamena alla coppia, quale segno di riconoscenza per ogni singolo gesto profuso in questi decenni a favore del figlio, che aveva compiuto da poco cinquant'anni.
''Sono certo che voi genitori vi siete chiesti più di una volta il perchè di questa vostra storia. La risposta è scritta nella vita della vostra famiglia: Agostino non è stato meno fortunato di altri, ma ha avuto la fortuna di ricevere quell'amore incondizionato che tutte le persone, indipendentemente dalla loro condizione e dalle loro scelte, meritano. La serenità della vostra famiglia e la semplice risposta che voi avete dato ad interrogativi profondi, sono un monito per tutti i casatesi. Casatenovo e l'amministrazione comunale sono orgogliosi di voi, della vostra famiglia e augurano un buon compleanno ad Agostino per i suoi meravigliosi 50 anni'' le parole del sindaco.
Anche l'arcivescovo di Milano, Monsignor Mario Delpini aveva voluto incontrare i due coniugi e il figlio durante la sua visita nella parrocchia di Valaperta.

La visita di Monsignor Delpini

Insomma, una vita fatta senza dubbio di sacrifici: pochi hobby estranei alla sfera domestica, nessuna vacanza, ma che mamma Francesca ci aveva detto di non rimpiangere per nulla al mondo. ''Sono sempre qui, tra Agostino e i fornelli, ma...contentissima'' aveva aggiunto l'anziana nella chiacchierata scambiata con noi all'indomani del riconoscimento attribuitole dall'amministrazione casatese, rivolgendo anche un pensiero a chi come loro, affronta nel silenzio del quotidiano l'assistenza ad un congiunto che necessita di continue cure.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco