• Sei il visitatore n° 332.964.232
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 04 ottobre 2021 alle 12:24

Casatenovo, crisi afghana: il consiglio unanime chiede percorsi di integrazione

Della crisi afghana e della conseguente necessità di accogliere i profughi in fuga dal Paese asiatico si è discusso nell'ultima seduta di consiglio comunale a Casatenovo, su impulso di Fabio Crippa e Francesco Sironi, consiglieri del gruppo Persone e Idee. I due esponenti della maggioranza hanno infatti presentato una mozione con la quale chiedono al sindaco Filippo Galbiati di inserirsi nella rete istituzionale promossa da ANCI (associazione nazionale comuni italiani) per consentire a queste persone un'opportunità di vita anche nel territorio comunale. Nel lecchese infatti, Comunità Montana di concerto con la Prefettura si stanno già attivando da settimane per creare le condizioni favorevoli ad un'accoglienza piena per i cittadini afghani, rimettendosi tuttavia a quelle che sono le indicazioni ministeriali sul tema.

Il consigliere e capogruppo di Persone e Idee, Fabio Crippa

''Serve un sistema capace di rispondere al meglio a quella che al momento rappresenta una vera e propria emergenza'' ha detto il capogruppo di PEI Fabio Crippa, che dopo aver richiamato i valori democratici, umani e solidaristici che caratterizzano la nostra cultura - nonchè la recente giornata del rifugiato promossa dalla Chiesa - ha chiesto il ritorno ad un sistema su esempio del cosiddetto SPRAR (sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati), che qualche anno fa aveva consentito di garantire accoglienza e percorsi di integrazione a molti richiedenti asilo in arrivo dall'Africa, attraversando il Mediterraneo.
''I padri costituenti avevano già capito che le esigenze del tempo avrebbero imposto di andare verso un noi allargato, concedendo diritto d'asilo secondo le condizioni stabilite dalla legge e ponendo attenzione alla persona umana, ritenuta valore indiscutibile'' ha detto invece il collega Francesco Sironi, aggiungendo che ''impegnarsi nell'accoglienza dei rifugiati non è solo un dovere etico costituzionalmente riconosciuto ma significa non tradire noi stessi e le nostre radici''.

Francesco Sironi, consigliere di Persone e Idee

Si è subito mostrato favorevole alla proposta Christian Perego, consigliere del Movimento Cinque Stelle: ''è un dovere morale senza se e senza ma, condivido a pieno lo spirito della mozione'' le sue parole. Marco Pellegrini di Più Casatenovo invece, ha chiesto di integrare la mozione impegnando il sindaco ad informare costantemente il consiglio comunale e i cittadini sul prossimo eventuale arrivo a Casatenovo di cittadini afghani, nonchè sui progetti di accoglienza in essere e futuri.
Una richiesta accolta da quest'ultimo e dalla maggioranza, con voto unanime concesso al documento emendato come da proposta dell'opposizione. ''L'integrazione non è una cosa che puoi fare così, deve essere strutturata e adeguata perchè non ci siano eccessi di esasperazione ideologica'' le parole del primo cittadino Filippo Galbiati che nel suo ruolo di presidente del distretto di Lecco, qualche anno fa, si era occupato in prima persona del tema. ''Si deve puntare sugli ex SPRAR perchè quel modello consente di fare integrazione con le risorse giuste. Per ora è stato sollecitato il ministero ad ampliare i posti sul modello del passato ma non c'è stata ad oggi nessuna risposta''.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco