Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 304.143.742
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 22 ottobre 2021 alle 18:30

Castello B.za: in consiglio sgravi Tari, potenziamento della zona 30 km/h e Retesalute

Si è tenuta nella serata di giovedì 21 ottobre una nuova riunione del consiglio comunale di Castello Brianza. Gli amministratori si sono ritrovati presso l'area feste in località Prestabbio e, come avviene dall'inizio dell'emergenza sanitaria, la riunione si è svolta a porte chiuse. Per i cittadini interessati è andata in onda la diretta video sui canali social del Comune.

Sui banchi del consiglio comunale erano presenti documenti riguardanti diversi temi di carattere finanziario, amministrativo e programmatico. Due di questi risulteranno di particolare interesse alla cittadinanza. Il primo riguarda una serie di contributi economici stanziati per far fronte alla pandemia. Il secondo concerne invece il finanziamento del progetto di messa in sicurezza di via Roma, nella zona centrale del paese, dove è già presente la zona a traffico con velocità ridotta a 30chilometri orari.

Il sindaco Aldo Riva in un'immagine di repertorio

Oltre a questi temi, i consiglieri comunali hanno dovuto esprimersi sull'adesione della città di Oggiono alla società il Girasole. L'impresa sociale che, a capitale misto pubblico-privato, eroga i servizi sociali nell'ambito distrettuale di Lecco. Castello Brianza è fra i comuni fondatori, mentre la città di Oggiono, all'atto di costituzione della società avvenuto nel 2019, aveva preferito aderire a Retesalute. Realtà, quest'ultima, attiva nel meratese e casatese.

Un quadro che, durante la seduta, è stato ricostruito con precisione dal sindaco di Castello Brianza Aldo Riva: «L'impresa sociale girasole è stata costituita agli inizi del 2019 tramite l'associazione di 26 comuni soci aderenti sui 31 comuni appartenenti all'ambito distrettuale di Lecco. In particolare, nella nostra zona Oggiono, Ello e Sirone non avevano aderito». Le scelte attuate da questi comuni sono state sconvolte lo scorso anno quando è emerso che Retesalute, l'azienda a cui avevano aderito come scelta alternativa a Girasole, annoverava perdite per circa 4milioni di euro, mai emerse nei bilanci societari.

«Nel mese di luglio [2021] - ha proseguito Riva - il Comune di Oggiono ha formalizzato una richiesta per poter aderire all'associazione dei comuni soci di Girasole [...]. L'obbiettivo è di affidare dal primo gennaio 2022 i servizi sociali all'impresa sociale lecchese». Una procedura che non sarà breve e che, al momento, prevede diversi passaggi comunali nei comuni soci e l'adozione di una serie di delibere anche da parte della città di Oggiono.

«La richiesta di Oggiono - ha continuato Riva - è stata esaminata dall'assemblea dei soci di Girasole che ha espresso parere favorevole ad avviare l'iter istruttorio. Il consiglio direttivo - di cui lo stesso Riva è membro - in data due ottobre ha approvato una delibera che esprime parere favorevole all'adesione di Oggiono, con una serie di motivazioni. [...] La decisione finale spetterà ad una assemblea ordinaria di tutti i comuni soci che sarà convocata entro il 15 novembre».

Deliberata l'adesione, il Comune limitrofo sarà il 27esimo comune ad entrare a far parte dell'impresa sociale Girasole. Per questa adesione "in ritardo" rispetto all'atto costitutivo dovrà corrispondere una cifra pari a circa 3mila e 500 euro come formula di compensazione per gli sviluppi aziendali dello scorso triennio.

Tutti i consiglieri comunali di Castello Brianza si sono espressi a favore dell'adesione di Oggiono all'impresa sociale lecchese.

Per quanto concerne i documenti finanziari, discussi durante la serata, il parere unanime favorevole fra maggioranza e minoranza è stato raggiunto di fronte ad ogni votazione.

Come nel caso della variazione di bilancio che, già adottata dalla giunta con la formula dell'urgenza, recepisce le maggiori risorse economiche provenienti dallo stato e in ingresso nelle casse comunali. Fra queste vi sono 12mila euro per far fronte alle spese emergenziali dovute alla pandemia. Mentre le risorse trasferite per l'acquisto di nuovi libri sono aumentate passando da 3mila e 500euro a 4mila e 600euro.

Un ulteriore variazione di bilancio ha recepito in ingresso nelle casse comunali il contributo - pari a 37mila euro - che Regione Lombardia ha stanziato al comune per la messa in sicurezza di via Roma. Un tratto di strada sul quale erano già state adottate misure volte a ridurre la velocità del traffico in transito, come ad esempio l'istituzione della zona a 30km orari. Le risorse regionali - che dovranno essere incrementate con altre risorse proprie del bilancio comunale - serviranno a realizzare un nuovo progetto di messa in sicurezza. Fra le ipotesi vi è un potenziamento della segnaletica e l'eventuale estensione della zona a velocità ridotta. Il problema è particolarmente sentito dalla popolazione in quanto, nel tratto di strada interessato, si affacciano diversi luoghi significavi come l'oratorio, le scuole, il comune e anche l'attraversamento che conduce alla chiesa di San Lorenzo. Il gruppo di minoranza ha chiesto chiarimenti riguardo l'intervento che si andrà a realizzare. Il sindaco ha comunicato che un progetto esecutivo è già pronto, mancherebbe solo il via libera della Provincia di Lecco la quale - essendo competente sul tratto di strada in questione - avrebbe già escluso la creazione di dossi per rallentare il traffico.

Come ultimo punto all'ordine del giorno sono stati discussi e approvati gli sgravi sul tributo Tari - legato alla gestione dei rifiuti - per le utenze domestiche e non domestiche di Castello Brianza. I cittadini e le imprese interessate potranno fare richiesta per ottenere un ristoro, nel caso in cui rispettino determinate condizioni economiche. Maggiori dettagli saranno forniti con gli avvisi che il comune pubblicherà nelle prossime settimane. Sempre sul versante degli aiuti per far fronte alla crisi economica, il comune di Castello Brianza ha confermato i buoni spesa solidali, utilizzabili per acquistare beni di prima necessità presso gli esercizi commerciali del paese. Allo stesso tempo è stato emesso un secondo bando che offre contributi, alle famiglie in difficoltà, per far fronte alle spese immediate e necessarie.

L.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco