Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 303.703.869
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 23 novembre 2021 alle 19:10

Villa Greppi: due concerti in omaggio ad Astor Piazzolla

Un omaggio ad Astor Piazzolla in occasione dei cento anni dalla sua nascita. A eseguirlo in un doppio appuntamento promosso dal Consorzio Brianteo Villa Greppi con direzione artistica di Marco Cazzaniga è il Guitar Landscape Ensemble, formazione di chitarre nata nel 2014 all'interno della Scuola di Musica A. Guarnieri e per l'occasione affiancata da altri musicisti legati alla Scuola come allievi ed ex allievi.

In programma per domenica 28 novembre alle 17 nella Sala parrocchiale Giovanni Paolo II di Cremella e domenica 5 dicembre alle 17 nel Salone dell'Oratorio di Valaperta di Casatenovo, l'iniziativa rappresenta un tributo a un compositore particolarmente importante per la Guarnieri, in quanto eseguito da decenni dalle diverse classi di musica da camera.
«Omaggiamo Astor Piazzolla - spiega Marco Cazzaniga, direttore della Scuola di Musica che ha sede a Casatenovo - con un doppio concerto che vedrà la partecipazione, accanto al Guitar Landscape Ensemble, realtà composta da 8 chitarre e affidata alla preparazione del maestro Matteo Redaelli, anche di altri allievi e di ex allievi rimasti legati alla nostra Scuola. Durante l'evento si susseguiranno, infatti, svariate combinazioni di musicisti, che si innesteranno sulla base del Guitar Landscape Ensemble».
Poeta dell'ossimoro, Astor Piazzolla ha il merito di aver giocato sulla contaminazione di opposti quali il sublime e il prosaico, il puro e l'impuro, dando espressione alla complessità della sostanza umana stessa nella mescolanza di generi e stili che è tratto della modernità, elevando così il genere popolare del tango a forma musicale eminentemente colta. Un nuevo tango, quindi, in cui la vita si tocca nel suo senso midollare e l'arte si fa mezzo di elaborazione dell'esperire umano nelle sue più profonde verità: la passione e la saudade, l'abbraccio che si fa fuga e desiderio reciproco dei corpi, l'eternità del momento presente che trascolora nella necessità dell'oblio.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco