Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 303.691.298
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 24 novembre 2021 alle 13:23

Nessuna tangenzialina fra Sirone e Molteno!

Come Circolo Ambiente "Ilaria Alpi" diciamo No a qualsiasi nuova strada tra Sirone e Molteno!

Dichiariamo questo dopo aver letto sia del progetto della strada che dovrebbe congiungere la SP 52 a Sirone con la SP 49 a Molteno (per bypassare l'abitato di Raviola), sia dell'ipotesi di un nuovo tracciato che dovrebbe collegare la tangenzialina esistente Castello-Molteno, con la SS36.

Siamo ancora alla folle logica della fine del secolo scorso (!), ovvero quella di riempire il territorio di asfalto e cemento. Costruire nuove strade servirebbe solo a spostare il traffico da una zona all'altra, lasciando insoluto il problema della mobilità. Sembra che i sindaci del territorio non abbiano appreso nulla da quello che si muove nel Mondo. Assistiamo da decenni all'aumento dell'inquinamento e del consumo di suolo; ci sono giovani di tutte le Nazioni che protestano per contenere il riscaldamento globale. Eppure i sindaci ragionano ancora con la logica dell'asfalto e del cemento. I problemi del traffico si risolvono con interventi strutturali sulla mobilità, che non deve essere basata sui veicoli privati, auto e camion. Semmai sul potenziamento del trasporto pubblico e delle ferrovie. È su questo tipo di interventi che vorremmo vedere più fondi del PNRR.
È quindi assurdo che i sindaci invochino, per il collegamento con la SS36, i fondi del PNRR per costruire nuove strade. Quale ‘ripresa e resilienza' avremmo con una nuova distesa di asfalto e cemento? ‘Ripresa e resilienza' si fanno solo con un nuove politiche di mobilità. Di più, le linee-guida del PNRR specificano che i finanziamenti saranno diretti solo alle opere pubbliche che garantiscano innovazione ed efficienza, nell'ottica della ‘transizione ecologica'. I sindaci si sono chiesti quale innovazione ed efficienza c'è in una nuova strada?

Per tutte queste considerazioni, come Circolo Ambiente "Ilaria Alpi" ribadiamo la nostra contrarietà a qualsiasi progetto di nuove strade da Sirone a Molteno (passando anche per un tratto di Garbagnate M.). Siamo contrari a qualsiasi ipotesi di tracciato, in superficie o in galleria, poiché in ogni caso avremmo distruzione dell'ambiente, senza risolvere alla fonte il problema del traffico!

Roberto Fumagalli - Circolo Ambiente Ilaria Alpi
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco