Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 328.069.048
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 05 dicembre 2021 alle 15:55

Barzanò, ''Giocosport'': ottimi i risultati nelle gare di Lignano

Lo scorso fine settimana è stato fantastico per Giocosport Barzanò SSD in occasione del 18° Campionato Nazionale di ginnastica artistica del CSI, che si è svolto dal 18 al 21 novembre a Lignano Sabbiadoro. Presso il Palazzetto dello Sport del Bella Italia EFA Village, sono state 875 le ginnaste in gara, provenienti da nove regioni italiane e in rappresentanza di 70 società sportive appartenenti a 25 comitati provinciali.



La Lombardia è stata la regione con il maggior numero di atlete: tra loro anche le 15 ginnaste di Giocosport Barzanò che si erano recentemente qualificate con merito a questa importante finale nazionale, ricca di successi in campo gara, ma anche di rivincite personali e di molte emozioni sportive e non solo. Tante sono state le gare di questo Campionato Nazionale che hanno portato le ginnaste di Barzanò a salire su uno dei gradini del podio tricolore.



Nella categoria Lupette, programma Large, Giulia Negri si è classificata prima assoluta diventando campionessa nazionale. Per lei secondo posto anche nella gara di minitrampolino specialità, sempre categoria Lupette, ma programma Medium.
Tanti successi anche nella categoria Tigrotte, programma Large: Viola Reggia ha raggiunto il secondo posto assoluto e si è classificata terza a corpo libero e seconda a trave e volteggio, mentre Emma Cazzaniga è salita sul terzo gradino del podio a trave.



Nella categoria Ragazze, per il minitrampolino specialità, programma Medium, sono state ben due le posizioni occupate sul podio dalle ginnaste di Giocosport Barzanò: Arianna Farina prima classificata e campionessa nazionale, mentre Caterina Laggetta terza classificata. Infine, anche nella categoria Senior altri podi per la società di Barzanò: nel programma Medium Luana Livoti terza classificata assoluta e prima al minitrampolino, mentre nel programma Large campionessa nazionale Cristina Stanizzi, salita sul primo gradino del podio.



Nel programma Small a squadre, categoria Tigrotte, invece, ottimo quarto posto in classifica per Nives Ciancio, Ginevra Redaelli, Elisa Mauri, Irene Salciccia, Rachele Viganò, che per pochissimo non sono riuscite ad occupare un posto sul podio verde-bianco-rosso. Infine, buoni risultati anche quelli raggiunti da Marianna Cazzaniga (ottava a minitrampolino e diciottesima assoluta) e da Valentina Canella (ventiquattresima assoluta) nella categoria Allieve, programma Medium e da Elisa Venezia (undicesima alla specialità di corpo libero) nella categoria Ragazze, programma Medium.



Contente e molto soddisfatte le allenatrici, non solo per i risultati raggiunti, ma anche e soprattutto perché questa finale nazionale è stata conquistata dopo un lungo percorso di crescita e tanti miglioramenti da parte delle ginnaste, che si sono preparate impegnandosi al meglio e che per questo sono state meritatamente premiate. Molto contente anche le loro famiglie che le hanno accompagnate e sostenute prima e durante la gara, facendo un bel tifo dagli spalti del Palazzetto di Lignano, tornato pieno del calore del pubblico.



Per tutte le ginnaste di Barzanò la partecipazione al 18° Campionato Nazionale è stata un’esperienza ricca e fantastica, che alcune di loro hanno voluto raccontare e descrivere direttamente con le proprie parole:
Quando ci hanno chiesto: “Come ci si sente ad andare al Campionato Nazionale?" la risposta non è stata immediata, forse perché in primis non ce l’eravamo chiesto nemmeno noi, oppure perché è un'emozione così diversa rispetto a quello a cui siamo solitamente abituate, che le parole non riescono nell’intento di descriverla.



È stato una boccata d’aria fresca questo campionato: soprattutto perché da quando il covid ha fatto la sua comparsa nella nostra esistenza, tutti gli aspetti della nostra quotidianità sono mutati, anche quello sportivo. Ci piace chiamare questa esperienza come la nostra rivincita rispetto al tempo passato a fare verticali sui muri di casa perché le palestre erano chiuse: siamo semplicemente noi che, mentre ci riprendiamo la nostra vita come la conoscevamo prima, ci divertiamo e respiriamo l’aria di quella tanto mancata libertà.
Gli allenamenti sono stati duri e costanti, sia a livello fisico che mentale.
Un grazie va soprattutto alle nostre allenatrici, che oltre ad averci fatte arrivare fin qua non hanno mai smesso di credere in noi: il rapporto che normalmente si ha tra coach e allieve è strettamente limitato all’ambiente sportivo, mentre da noi, Giocosport, è un concetto tutto nuovo di famiglia.



La nostra società non è composta da atlete, ma da persone, e questa è una differenza che abbiamo potuto constatare in campo gara diverse volte.
Nessuno vince per se stesso da noi: trionfiamo o perdiamo tutte insieme, a testa alta e con il cuore pieno, perché mai ci è stato fatto pesare un fallimento e mai ci siamo dovute sentire incomplete e inadeguate, sia come persone che come ginnaste.
La nostra vittoria va in primis alle nostre famiglie, a tutti quelli che non hanno potuto esserci, alla nostra squadra e alla vita che torna lentamente quella di prima.



La ginnastica artistica è stata, per diversi motivi, la nostra ancora e il tetto sotto il quale ripararsi quando la vita scolastica si faceva un po’ troppo pesante. Quando lo stress si accumula tutto insieme e si arriva al limite, l’unico posto che è in grado di farci tornare la spensieratezza che a volte tutti dimentichiamo di meritare, è sempre stato ed è tutt’oggi, la nostra palestra, casa dolce casa.
Salire sul podio è stato un regalo, ricevuto dopo aver sudato, riso, pianto e lavorato tanto.
Non siamo mai state così fiere di aver indossato il nostro body come alle premiazioni.



Oltre all’aver vinto, da questa esperienza ci portiamo con noi dei bellissimi ricordi e un bagaglio di consapevolezza e di voglia di fare di più, con l’unico augurio di poter arrivare ancora ad una finale nazionale a fare sempre meglio e sperando di essere state d’ispirazione per tutte coloro che ci hanno guardate sorridere con le medaglie appese al collo.
Dopo queste belle parole e tutti i successi raggiunti, tantissimi complimenti a tutte le ginnaste da parte delle allenatrici. Adesso, per tutte loro, dopo il bel traguardo raggiunto, il percorso continua ancora dritto verso altri obiettivi per la nuova stagione sportiva.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco