Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 311.517.544
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 16 dicembre 2021 alle 18:53

Oggiono: al Bachelet raccolti ben 480 kg di alimenti a sostegno dei bisogni della Caritas

"Si parla tanto in questi anni di educazione civica, e questa sicuramente è la più grande dimostrazione di cosa possa essere concretamente l'educazione civica e la solidarietà. Ormai sono un po' di anni che il nostro istituto partecipa a quest'iniziativa ed ogni anno abbiamo paura di non riuscire a raccogliere la stessa quantità di alimenti degli anni precedenti. Poi però rimaniamo sempre positivamente stupiti del risultato. Siamo molto contenti di poter dare un aiuto concreto a chi ne ha più bisogno" hanno detto i ragazzi dell'istituto oggionese Bachelet che anche quest'anno ha partecipato all'iniziativa della Caritas di recupero, raccolta e redistribuzione degli alimenti.

Gli alunni del Bachelet con i volontari della Caritas

Questa mattina, nel piazzale dell'istituto, gli alunni ed i volontari della Caritas si sono ritrovati per un momento ufficiale di ringraziamento. Nei giorni scorsi, infatti, i giovani studenti si sono impegnati nel recupero e nella raccolta raggiungendo ben 480 chili di alimenti. Aiutati dai volontari della Protezione Civile di Galbiate hanno successivamente caricato gli scatoloni sui mezzi, pronti per essere distribuiti alle famiglie.
La Caritas Decanale racchiude nel territorio ben dodici parrocchie e conta sull'appoggio di dieci comuni, tra i quali anche Oggiono. All'emporio di Molteno, centro operativo, si racchiude l'attività che presta assistenza a circa 200 famiglie per un totale di quasi 800 persone.

Al centro Carla Perego del centro di ascolto Caritas

"Offrire cibo è sicuramente la forma più concreta ed immediata per rispondere ad un bisogno e dare un aiuto. L'aiuto alimentare costituisce, sicuramente, il primo gradino della presa in carico dei bisogni di una persona. Il 50 % di ciò che riusciamo a distribuire è frutto di ciò che viene raccolto nelle parrocchie o tramite i privati. Una parte proviene poi dalla Caritas diocesana ed un'altra parte dalla comunità europea. In quest'ultimo anno, vista la situazione di precarietà, le richieste di aiuto sono purtroppo aumentate. Il nostro centro di ascolto ad Oggiono assiste attualmente ben cinque mila famiglie" hanno detto Roberto Ferrari, responsabile Decanale e Carla Perego, responsabile del centro di ascolto.

"E' un'iniziativa cui partecipiamo ormai da parecchi anni. La solidarietà non è tanto una materia che si insegna, ma è uno stile di vita ed una consapevolezza che deve sorgere anche e soprattutto nei giovani. È quindi importante promuovere anche nell'ambiente scolastico una partecipazione concreta rendendo così gli studenti parte della comunità e dei suoi bisogni" ha aggiunto la dirigente dell'istituto dott.ssa Anna Panzeri.
Sa.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco