Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 327.031.474
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 15 gennaio 2022 alle 17:14

Bulciago, introduzione del sacco rosso: bene le frazioni, più problemi in centro paese

L'assessore Filippone e il sindaco Cattaneo
Come in altri comuni del territorio, anche a Bulciago è partita lo scorso martedì 11 gennaio la raccolta dei rifiuti secondo l'innovativo metodo della "tariffazione puntuale", ovvero l'utilizzo del sacco rosso, contenente un microchip identificativo per ogni singola utenza. Per disincentivare l'errata abitudine di non differenziare i rifiuti, la Provincia di Lecco ha infatti promosso una più efficiente gestione della raccolta differenziata, con l'utilizzo di nuovi sacchi rossi che dovranno obbligatoriamente essere utilizzati per il conferimento dei soli rifiuti non differenziabili attualmente esposti nel sacco trasparente. Durante le attività di raccolta del "sacco rosso" un apposito dispositivo, in dotazione degli operatori adibiti al servizio, consentirà di riconoscere il codice identificativo dell'utente conteggiando automaticamente i conferimenti effettuati da ciascun nucleo familiare o azienda. Lo stesso giorno in cui è iniziata la raccolta puntuale a Bulciago, alcuni operatori di Silea, che gestirà l'introduzione della raccolta puntuale dei rifiuti, hanno effettuato un controllo a campione all'interno del Comune per valutarne eventuali criticità o pratiche sbagliate. La situazione riscontrata dai tecnici è stata considerata generalmente positiva, nella frazione di Bulciaghetto, ad esempio, ben l'81% delle utenze domestiche ha utilizzato il sacco rosso, mentre nella zona del centro il dato è al 70%. Si tratta di dati molto incoraggianti, secondo Silea stessa, considerando che si trattava del primo giorno con questa tipologia di raccolta e che tendenzialmente la situazione dovrebbe migliorare nelle settimane successive. Per quanto riguarda le utenze non domestiche, invece, ad eccezione delle utenze con cassonetto, sono stati riscontrati diversi sacchi non conformi. "A tutti noi è richiesta esclusivamente maggiore attenzione in quello che facciamo e se probabilmente in fase di avvio si potranno riscontrare possibili disagi, che speriamo siano ridotti al minimo, confidiamo nella comprensione e nella collaborazione di ciascuno" ha commentato il sindaco Luca Cattaneo in una nota rivolta alla cittadinanza. Nonostante, quindi, le frazioni del paese siano riuscite a gestire meglio, almeno in questa fase iniziale, l'introduzione del nuovo metodo di raccolta, rimangono alcuni problemi per il centro paese, a causa anche della presenza di grandi agglomerati di condomini. Silea ha comunque fatto sapere che assumerà un atteggiamento di maggiore tolleranza verso eventuali inadempimenti da parte delle utenze per le prime raccolte ma che non sarà più disposta invece ad accettare errori o disattenzioni nelle prossime settimane, lasciando quindi i sacchi non correttamente riempiti fuori dalle case, senza provvederne al ritiro. Al fine di evitare proprio questa eventualità, l'amministrazione, già ad inizio anno, aveva realizzato un'operazione di volantinaggio per far recapitare a ciascuna famiglia tutto il materiale informativo necessario sulla raccolta puntuale. In maniera molto scrupolosa, poi, sono stati richiamati nominalmente tutti coloro che non avevano ancora ritirato il sacco rosso, cercando di coprire l'intero territorio comunale. Su questo fronte le cose hanno sicuramente funzionato bene, perché su un totale di 1200 famiglie, solo 70 non hanno ritirato il sacco, per cui la percentuale di utenze che partecipa attivamente alla raccolta puntuale è ben superiore al 90%.
"Considerato il periodo di pandemia il dato è incoraggiante, ovviamente dopo il primo periodo si deve assolutamente migliorare tanto. L'informazione a tutti i cittadini è stata data casa per casa sia in forma cartacea sia in forma digitale. Ci aspettiamo quindi che tutto il processo possa regolarizzarsi e diventare più fluido già a partire dalle prossime settimane" ha infine dichiarato l'assessore all'ambiente Tonino Filippone.
M.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco